domenica 3 Marzo, 2024
HomeReclamCravatta di seta e guanti in affitto nella Belle Époque
RECLAM

Cravatta di seta e guanti in affitto nella Belle Époque

Il fascino e la sorpresa delle pubblicità pubblicate alla fine del XIX secolo

Continua il viaggio attraverso le “reclam” pubblicate sui giornali astigiani della fine del diciannovesimo secolo. Se nei decenni precedenti l’attenzione era rivolta ai rimedi medicamentosi utili ad affrontare, prevenire o “curare” malanni e dolori, dal 1870 le pubblicità mutano, pur mantenendo una vena salutista. Ne sono un esempio, quelle estrapolate dal giornale locale “Il Cittadino”. Alcuni annunci che ricordavano al lettore il buon sapore ed al contempo l’efficacia curativa del caffè di ghiande (fava dolce di Spagna), “piacevole al palato soprattutto quando lo si mesce con il latte”, ma pur sempre “accreditato dai più distinti medici” come portentoso rimedio per bambini e persone di “fibra debole”. Il punto vendita ufficiale (e forse esclusivo) era la drogheria Terracono di Via Maestra. Anche il “buon” vino Mayer trovò spazio a pagamento sulle pagine dei giornali, “avendo tutte le proprietà e gli effetti del Fernet” ed essendo anche “tonico, vermifugo, febbrifugo ed anticolerico”, da consumarsi come gradevole fine pasto, misto all’acqua o al caffè. Ed ancora il cioccolato, ricco delle suggestioni del vicino Oriente, proposto come medicinale “hydrogenico”, consigliato dai “migliori dottori” per curare la debolezza di stomaco, e disponibile dal Confettiere Michele Florio in Asti. Dal 1866 trovano spazio i primi annunci di trattorie, “provviste di eccellente vino tanto bianco che nero come di squisita cucina”, che offrono un menu fisso e possibilità di pensione.

Il vino Mayer veniva venduto anche come vermifugo
Il vino Mayer veniva venduto anche come vermifugo

Nascono intanto, dal 1895, i primi birrifici, che man mano arricchiscono la loro produzione con bevande analcoliche come gazzose, tamarindi, salse pariglie (anche depurative del sangue), da acquistarsi al minuto od all’ingrosso. Tocca poi alle panetterie e pasticcerie affacciarsi alla carta stampata, proponendo i loro “confetti, bomboni finissimi, confetture assortite e cioccolata finissima “(presso Novara Gioanni, in vicolo Anfossi accanto a Piazza Alfieri), ed offrendo al contempo “regali fantasia, enveloppes di lusso, servizi per balli e soireès”. Lo spirito festaiolo dell’epoca si manifesta attraverso le pubblicità di sale da ballo e feste a tema, ovviamente necessitanti della “mise” adatta. Ecco quindi che Gallè Felice, sarto sotto la Galleria Alfieri, nel 1870 “offre ai giovani, in acquisto od affitto, un assortimento completo, cioè vestito e gilè di peruvien nero, pantaloni satino, cravatta di seta e guanti di pelle”. Ed ecco la proposta dei primissimi “viaggi organizzati”, riservati ovviamente ai più ricchi, oppure al crescente popolo degli emigranti, con traversate dell’oceano “da Genova a Montevideo, a Buenos-Ayres”, in 40 giorni a bordo “del vapore costruito pel trasporto passeggeri per tutte le classi divise in 1°, 2° e 3° categoria”. Altre destinazioni Nuova York, California, New Orleans. Era il sogno Americano.

L’AUTRICE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

I proverbi anticipano le previsioni del tempo

L’attesa della primavera nel folclore meteorologico monferrino¹   «Smenmi d’ Mars, smenmi d’Avrì, fin c’al fassa caod peus nen avn컲: Seminami di marzo, seminami di aprile,...

La collina di Spoon River – Giugno 2017

Vito Walter Sollazzo 22 agosto 1945-10 marzo 2017 Sindacalista e allenatore di calcio Ho sempre amato il gioco di squadra. L’ho praticato per tutta la vita, nella...

Secondo trimestre 2017

3 aprile Inaugurato a Nizza Monferrato l’hospice che accoglie i malati terminali del reparto di oncologia del Cardinal Massaia. A disposizione dei pazienti una...

La collina di Spoon River – Dicembre 2016

Angelo Franco 11 agosto 1929 - 16 settembre 2016 Autotrasportatore Ero uno dei Cugini Franco. Avevamo deciso di chiamarci così con mio cugino Giacomo quando aprimmo la...

Sul calendario

8 settembre L’ambasciata di Israele assegna il riconoscimento di Giusti fra le nazioni alla memoria di Eugenia e Pietro Gilardi. Coppia di contadini di...

Il monumento in bronzo dedicato alle 5 storiche divisioni

L’alpino di piazza Libertà, nell’aiuola di fronte la Mercato coperto, è da più di 40 anni muto testimone della vita della città. È stato...

La collina di Spoon River – Maggio 2016

Andreina Jodice Napoli, 27 dicembre 1935 - Asti, 2 gennaio 2016 Insegnante di Lettere Sono nata a Napoli, ma la mia famiglia, ed io al seguito, era...

Pino Morino, l’inventore del terzo tempo

Discobolo nazionale e “missionario” del pallone elastico

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE