lunedì 5 Dicembre, 2022
HomeInsiemeA Mombercelli l’arte va in prigione
INSIEME

A Mombercelli l’arte va in prigione

Le celle delle vecchie carceri ospitano mostre e collezioni
Il museo fu affidato a Gianmaria Lisa, giornalista della redazione Cultura dei telegiornali della Rai, con casa a Mombercelli, che si dedicò con grande entusiasmo ad arricchirlo contattando altri artisti e promuovendo iniziative per renderne nota l’esistenza.

A Mombercelli, nel cuore della Val Tiglione, opera un’associazione culturale di volontariato dal nome curioso MUSarMO (acronimo di museo arte Mombercelli) che gestisce, d’intesa con il Comune, il “Museo Civico d’Arte Moderna” ospitato nell’edificio dell’ex carcere mandamentale. Il palazzotto, realizzato tra l’Ottocento e il Novecento, su progetto dell’ingegnere Santonè, ha conservato le originarie caratteristiche costruttive, comprese le inferriate che chiudono celle e corridoi ora trasformati in spazi espositivi. L’avventura cominciò nel 1972 per iniziativa di un gruppo di amanti dell’arte. Fra questi Carlo Caratti, già direttore dei Musei Civici di Asti nonché abile incisore, don Francesco Cartello, attuale parroco, Mario Castagneri, conduttore di programmi sulle tv private all’epoca, Giulio Zandrino, proprietario dei locali in cui furono inizialmente esposte le opere, e il gallerista torinese Stefano Pirra. Numerosi artisti risposero all’appello dei promotori, donando alcuni loro lavori che costituirono il primo nucleo del museo. Tra questi: Armando De Stefano, Bruno Martinazzi, Lorenzo Guasco e altri, che sono diventati anche cittadini onorari di Mombercelli, come Simon Benetton, Enrico Paolucci e il critico d’arte Angelo Dragone. Le opere furono acquisite dal Comune che si impegnò a conservarle e a promuoverne la conoscenza. Dopo un periodo di custodia a causa della mancanza di locali espositivi idonei, negli Anni Novanta l’Amministrazione comunale di Mombercelli ne decise il trasferimento nell’ex carcere mandamentale. Il museo fu affidato a Gianmaria Lisa, giornalista della redazione Cultura dei telegiornali della Rai, con casa a Mombercelli, che si dedicò con grande entusiasmo ad arricchirlo contattando altri artisti e promuovendo iniziative per renderne nota l’esistenza. Oltre a rendere visibile l’originaria collezione, si organizzò la mostra su Carlo Leva, lo sceneggiatore di alcuni dei grandi film di Sergio Leone (Vedi Astigiani numero 2, pagina 76), e Paolo Spinoglio, scultore. Sempre grazie al grande impegno di Lisa è stato possibile realizzare nei locali del Museo una biblioteca ricca di oltre mille pubblicazioni, con volumi d’arte, catalogati da Lidia Ollino, referente della Biblioteca Civica. 

Uno scorcio dell’interno del Museo di Mombercelli

 

Il Comune, insieme alla Regione Piemonte e alla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, ha finanziato il restauro dell’edificio, su progetto all’architetto Laura Fiandrotti.  Le porte delle vecchie carceri si sono finalmente riaperte nel 2004 con la mostra di Francesco Casorati, allestita da Anna Virando unitamente all’architetto Marta Franzoso (per l’occasione si è anche realizzato il logo di MUSarMO). Nel 2005 è stata organizzata l’esposizione delle opere dell’astigiano Carlo Carosso e ospitato un incontro di musica e poesia in collaborazione con l’Associazione culturale “Lo Spettatore” di Asti. Nella primavera del 2006 si è dato spazio alle foto artistiche del territorio scattate dal fotografo inglese Mark Cooper. Nell’estate del 2007 il MUSarMO ha poi accolto i “Totem” e le opere in legno dello scultore Stefano Drago.

Conferimento della cittadinanza a S. Benetton: da sx: il critico d’arte Angelo Dragone, il sindaco (1998) Renato Canapero, lo scultore Simon Benetton, il giornalista Nanni Lisa e l’assessore Fausto Ciancio.

 

Una mostra per ricordare la figura del giornalista Nanni Lisa

 

Si sono susseguite numerose esposizioni, tra le tante “Disegnare le emozioni”, con tavole disegnate dal fumettista Gino Vercelli, e la Collettiva “Espressioni D’arte Tra Le Nostre Colline”, con opere di Dino Aresca, Donato Calati, Adriana Costa e altri artisti locali. Nel 2009 si spazia anche nel campo della fotografia con “Ulivi secolari” di Ernesto De Matteis. Giungono nuove acquisizioni: una grafica di Ernesto De Mattei, intitolata “L’inchino”, e un dipinto astratto di Vannetta Cavallotti, “Confusione”. Incisioni, disegni e serigrafie di maestri come Vedova, Galante, Crippa, Ruggeri, Oriani. Da segnalare anche nel 2012 la mostra Di Dolore Il Volto L’Arte si confronta con il Mistero della Passione di Gesù”, con decine di opere di autori diversi. I quarant’anni di attività del MUSarMO sono stati celebrati con una collettiva, “Le Colline – Il Mare”, dedicata a Carlo Caratti e Mario Castagneri. Nel 2015 il museo si è arricchito di importanti lavori artistici come l’acquaforte di Boiseq, facente parte della collezione «La ligne amoreuse chez Renoir» e che riproduce l’autoritratto del maestro impressionista francese. A far parte della già consistente sezione dedicata allo scultore di adozione mombercellese Paolo Spinoglio, scomparso nel 2002, è tornata la coppia dei “Fidanzati”, opera di grandi dimensioni in bronzo che dopo essere stata esposta nella “cattedrale sotterranea” dell’azienda vinicola canellese Bosca, la famiglia dell’artista ha concesso in comodato d’uso al MUSarMO«Il 23 aprile – annuncia la curatrice Anna Virando – inaugureremo una mostra per celebrare Nanni Lisa, conservatore del MUSarMO dal 1997 al 2003. Oltre a essere giornalista di talento, Lisa si era dedicato alla valorizzazione di un piccolo archivio costituito dal prezioso lascito di Antonio Donat-Cattin, critico d’arte, caporedattore del Tg2 Rai. Reportage e inchieste che Donat-Cattin realizzò, a volte in coppia con Nanni Lisa, sono ancora oggi rievocati con affetto dagli artisti che il giornalista intervistò tra gli anni Settanta e Novanta. Un patrimonio che abbiamo qui a disposizione, consultabile da tutti» L’allestimento prevede opere dello stesso Nanni Lisa, fotografie, e materiale video di repertorio della sua attività. Va ricordato che Nanni Lisa fu tra i curatori della fortunata rubrica televisiva “L’Almanacco del giorno dopo”, in onda per anni sulle reti Rai. 

 

Direttori del MUSarMO

Dal 1972 al 1978: Carlo Caratti. Già direttore dei musei di Asti e affermato incisore.

(Dal 1978 al 1997 a seguito della vendita di palazzo Zandrino, allora sede del museo, le opere furono depositate nel caveau della Cassa di Risparmio. Nel 1997 il museo riprende l’attività nella sede dell’ex carcere mandamentale appositamente ristrutturato). 

Dal 1997 al 2003: Gianmaria Lisa detto Nanni, giornalista Rai e artista.

Dal 2003: Anna Virando, ex gallerista.

Don Francesco Cartello è Presidente onorario di MUSarMO e cofondatore.

 

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE