venerdì 2 Dicembre, 2022
HomeInsegne senza ruggineUna piccola bottega tra fagioli, spezie e le mitiche “sucai”
INSEGNE SENZA RUGGINE

Una piccola bottega tra fagioli, spezie e le mitiche “sucai”

“Ort e parot” di corso Alfieri davanti al Battistero

C’è un ordine che non si può definire altrimenti che garbato. Così i profumi che si percepiscono entrando: non uno che sia troppo intenso, che stoni con gli altri. A ciascuno il suo spazio. “Ort e Paröt” è una piccola bottega con un’insegna discreta e una vetrina altrettanto discreta al numero 15 di corso Alfieri. Pochi passi da piazza Primo Maggio, proprio di fronte al Battistero di San Pietro. Trentacinque metri quadri a essere ottimisti e più di mille prodotti tra sacchi, barattoli, cestini, scartoc. «Una volta quando mi chiedevano che tipo di lavoro facevo, rispondevo: boh! Ora mi piace dire che sono un po’ speziale un po’ droghiere. In fondo sono tutte e due, ma anche nessuna delle due». Lì, in mezzo a quegli scaffali di legno, Simona Mattiauda è cresciuta tra i paröt di papà Andrea.

Molti astigiani lo ricorderanno col suo grembiule maron a dispensar consigli tra granaglie, sementi e concimi. Il suo cuore, nel 2006, lo ha tradito. Se n’è andato via in silenzio, lasciando alla figlia Simona i ricordi di una vita e questa piccola bottega. Prima della famiglia Mattiauda, c’era in questo negozio di antica saggezza Angelina Boido. Una signora piccolina che si muoveva veloce e impercettibile come in punta di piedi dietro al bancone. Ha vissuto là dentro una vita intera. «Era una donnina silenziosa – ricorda Simona – io ero piccola e venivo a fare la spesa con la nonna.

Simona Mattiauda

La osservavo con curiosità muoversi in bottega. Era il suo regno». Da allora tante cose sono cambiate: «Da quando non c’è più papà, ho scelto di avere in vendita anche altre cose oltre a legumi, cereali, farine, spezie, tisane, cioccolato. Bisognava dare una piccola svolta». “Ort e Paröt” oggi ha il tocco (in astigiano, si direbbe il gheddu) di Simona: tanti grandi sacchi con molte varietà di fagioli (compresi quelli dell’occhio ideali per minestre), cereali, farine, polenta bianca e gialla, cicerchie selvatiche, farro, ceci, riso, manitoba, kamut, farina di castagne. E ancora spezie, the, tisane, caramelle, confetti, frutta candita, i mitici sucai. Tutto ordinato nelle burnie di vetro. Tutto rigorosamente made in Italy. Tutto si acquista a peso. Anche cioccolatini, amaretti, pastiglie Leone. Curiosando tra gli scaffali si trovano anche delle chicche come il sale alla Barbera d’Asti o le bacche di Goj con la loro fama di potenti antiossidanti naturali. Ma anche prodotti tradizionali che vanno dal miele al sapone di Marsiglia.

«Nel piccolo vado avanti cercando di tenere alta la qualità – sorride Simona – non ho molta concorrenza in città e un altro target rispetto ai grandi centri commerciali. Ho una clientela di giovani che si interessano di cucina e cibi naturali, ma anche molti clienti che già si servivano da Angelina e da mio padre». I nuovi clienti, di solito, viaggiano molto e quando tornano hanno delle richieste che Simona asseconda: ecco il perché di quel the rosso africano rooibos senza teina o quegli strani mix indiani di spezie che farebbero pensare più a una clientela di stranieri. Il più bel ricordo in bottega? «All’inizio non sapevo fare i pacchetti e papà mi sgridava – racconta Simona. Io mi arrabbiavo tanto. È uno dei ricordi più belli». Entra una cliente. Simona col paröt in mano (la paletta per prendere i legumi) sparisce per qualche secondo nel retrobottega. Torna col suo scartoc ben fatto. Oggi ha imparato a fare bene i pacchetti. Papà Andrea ne andrebbe orgoglioso. 

Info Ort e Paröt: 328 4508499 

 

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE