sabato 3 Dicembre, 2022
HomeUn quadro una storiaLe antiche mura dalla finestra di Emanuele Laustino
UN QUADRO UNA STORIA

Le antiche mura dalla finestra di Emanuele Laustino

Una storica testimonianza urbana secondo la tradizione figurativa del Novecento

In un pomeriggio di ottobre nel 1984, suonai alla porta del pittore Emanuele Laustino, nell’edificio affacciato su piazza Lugano. Non lo conoscevo ancora, ma non esitai ad accettare l’invito del dottor Pierluigi Sacco Botto a curare la selezione dei dipinti da esporre alla Galleria “L’Acquario”, a fine novembre 1984. Fu un piacevole pomeriggio: la sobrietà dell’abitazione e la pacata riservatezza del pittore rispecchiavano la composizione raccolta e severa dei dipinti, la compostezza meditata della pennellata, la rigorosa accensione delle gamme ocra e brune nell’impasto filante della luce, quasi un velo caldo e avvolgente a memorie gelosamente custodite. 

Nel 1926 i suoi genitori si erano trasferiti in Italia da Pittsburgh negli USA. Il giovanissimo Laustino prese a coltivare il disegno dal vero e l’osservazione della natura. Negli anni Trenta collaborò con gli artisti Carlo Morgari e Giovanni Bevilacqua agli affreschi nelle chiese di Isola d’Asti, Fontanile e Masone. Dopo la partecipazione alla Mostra d’Arte Astigiana del 1937, iniziò due anni più tardi a esporre alla Società Promotrice Belle Arti di Torino. Nel 1948 la Promotrice astigiana prese vita anche grazie a lui. Espose a Torino, a Pittsburgh, alle tre edizioni del Premio Alfieri per le Arti Figurative (1949, 1959, 1962) e fu invitato alla Biennale di Venezia nel 1950. Riconoscimenti e pagine critiche non mutarono l’indole contemplativa di Laustino, dedito alla propria ricerca espressiva attraverso una poetica naturalistica, legata alla tradizione figurativa novecentista.

Le prospettive urbane in disegni e dipinti, da piazza Cattedrale a via Natta, da Santa Caterina al cortile della vecchia Caserma, da piazza Statuto innevata a Rio Crosio, ai campi di Vallarone, ai paesaggi collinari si accostavano agli oggetti domestici, le stoviglie, frutta stagionale, il vecchio ferro da stiro di ghisa, il candelabro e l’ampolla, in sequenze silenti, in cui volume e colore scandivano i ritmi quotidiani. Tra le quinte domestiche, le essenziali composizioni floreali e, in particolare, i ritratti (la moglie, la madre) partecipavano al colloquio diretto, sincero dell’artista con le soluzioni pittoriche: l’impaginazione, l’equilibrio tonale, la partitura luministica. Collezioni private e pubbliche, tra cui la storica testimonianza “Le mura” conservata presso i Musei Civici di Asti, custodiscono la memoria della poetica dell’artista. Laustino venne ricordato in rassegne postume a Torino e ad Asti, presso l’Archivio Storico del Comune nel 2003 a opera dell’Associazione “Mino Rosso”. I soggiorni in Liguria offrirono talvolta più sintetiche vedute  marine e scorci ombreggiati da palme e olivi: qui il linguaggio pittorico è più sciolto, vibrato nella serenità dell’emozione percettiva. Una retrospettiva promossa dalla Fondazione Eugenio Guglielminetti è in programma per febbraio, in occasione del centenario della nascita del pittore.

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE