sabato 26 Novembre, 2022
HomeLo scaffaleLa storia tormentata delle comunità ebraiche astigiane
LO SCAFFALE

La storia tormentata delle comunità ebraiche astigiane

Il libro è diviso in due parti, ugualmente importanti: la breve prefazione di Franco Debenedetti e il corposo testo scritto da Giribaldi e Sardi, che conosciamo e stimiamo da anni come studiose e autrici di importanti saggi sul mondo ebraico ad Asti. Il titolo del libro: Bele sì (proprio qui): «Leggendo nel rotolo della Legge […] il ragazzino perde il segno; bele sì, gli suggerisce sottovoce il rabbino, bele sì, ripete il ragazzino, confondendo ebraico e dialetto. Bele sì, proprio qui. Qui, in questa pagina. Qui, in questo luogo. Il Libro e Asti». Leggere le scritture ad Asti: questo è ciò che il libro vuole documentare, senza commenti, con un rigido metodo storico-scientifico, a partire dalla prima presenza ad Asti di una comunità ebraica, verso la fine del 1300. La storia degli ebrei, delle piccole come delle grandi comunità, restò sempre legata alla grande storia, alle leggi e agli ordinamenti che man mano i diversi governi promulgavano.

Ci furono momenti di isolamento e ghettizzazione, momenti di stretto legame con la comunità astigiana. Arriviamo ai secoli più vicini a noi: l’Ottocento e il Novecento. Nel 1848 fu emanato il decreto di emancipazione degli Ebrei. Non fu del tutto agevole, all’interno della comunità ebraica, ad Asti come in tutto il territorio di quella che sarà l’Italia unita, operare la sintesi tra esigenze di modernità e tutela delle caratteristiche identitarie del gruppo. Gli ebrei italiani, entrando nella società laica, la arricchirono grazie alla qualità del loro sapere e, negli anni del Risorgimento, del loro profondo amore per la libertà. Nel 1865, grazie a una sottoscrizione cospicua, fu fondato l’Istituto scolastico Clava. L’Istituto viene definito come «la più duratura espressione nel tempo della vita comunitaria e della presenza ebraica ad Asti». Ma sopraggiunsero le leggi razziali del fascismo, la persecuzione dei diritti, poi quella delle vite, che tutti abbiamo ben presenti. Nella prefazione Franco Debenedetti ricorda dei versi che Eugenio Montale scrisse nel 1926: «Se fosse possibile essere ebrei senza saperlo,/ questo dovrebbe essere il mio caso/ tanta è la mia possibilità di sofferenza». Ma non poteva immaginare la possibilità e la realtà di sofferenza che di lì a poco avrebbero provato gli ebrei. 

 

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE