giovedì 25 Aprile, 2024
HomeTracce di...Il sogno infranto di quel cameriere senza più i baffi
Tracce di

Il sogno infranto di quel cameriere senza più i baffi

Vincenzo Gilardino da Canelli fu tra le vittime del naufragio del Titanic nel 1912

l naufragio del Titanic è tra gli avvenimenti che hanno segnato gli inizi del Novecento. Era il 10 aprile 1912 quando il grande transatlantico, la nave dei sogni, ritenuta inaffondabile, salpò per il viaggio inaugurale dal porto di Southampton, in Inghilterra, destinazione New York. Nella notte tra il 14 e il 15 aprile la nave si scontrò con un iceberg al largo di Terranova. Lo squarcio nella fiancata ne provocò l’affondamento. A bordo c’erano 2223 tra passeggeri e uomini dell’equipaggio: si salvarono soltanto in 706. Tra i dispersi in mare anche un cameriere del ristorante di prima classe: Vincenzo Pio Gilardino, un giovane canellese in cerca di fortuna. Questa è la sua storia.

Vincenzo era nato a Canelli il 27 gennaio 1881, figlio di Umberto Gilardino e Giovanna Muratore. Aveva sei fratelli e tre sorelle. Alla fine degli anni Novanta, non ancora ventenne, decise di trasferirsi in Inghilterra. Era un periodo di forte emigrazione. Le campagne piemontesi erano flagellate dalla fillossera e molti contadini lasciavano la terra in cerca di fortuna. Un elemento, quello della fortuna, che costituisce il filo rosso della vita del futuro cameriere. La nipote di Vincenzo (figlia del fratello Paulo Gustavo), Caterina detta Rina, raccontò in una lettera che «nel 1901 Gustavo fu mandato in Inghilterra dal padre per cercare di convincere Vincenzo a tornare in Italia. Tuttavia, Gustavo non ebbe successo e decise che lui stesso sarebbe rimasto in Inghilterra. Si stabilì a Manchester, dove trovò lavoro in una pasticceria».

Anche Vincenzo è nel settore della ristorazione. Ha imparato l’inglese e le regole del galateo e l’etichetta del perfetto cameriere. Dopo anni di gavetta inizia a lavorare per un altro italiano, tal Luigi Gatti, futuro direttore e gestore del ristorante À la carte del Titanic.

Come emerge nella lettera scritta dalla nipote Rina, «Vincenzo non era estraneo ai viaggi per mare. Aveva firmato vari contratti, ma di solito si trovava sulla stessa linea e, a parte un viaggio in Australia, la nave viaggiava tra Southampton e Buenos Aires. Per coincidenza, un altro dei suoi fratelli, Enrico, viveva in Argentina».

 

Le lettere della nipote Rina raccontano squarci di vita dello zio navigante

Vincenzo Pio Gilardino (ancora baffuto, quindi pre imbarco)

 

Vincenzo non dimentica la sua famiglia e le sue origini. Scrive ancora Rina: «Tra una navigazione e l’altra mio zio Vincent – come era conosciuto in Inghilterra – aveva alternativamente una lunga licenza e una breve. Era sua pratica andare in Italia durante il lungo congedo e restare a Manchester durante il breve».

Si aprì un nuovo capitolo della vita di Vincenzo, quando venne a conoscenza delle opportunità lavorative offerte dalla White Star Line, compagnia navale inglese. Tra le navi della compagnia figurava il Titanic. Era la nave più prestigiosa dell’epoca, un gigante giudicato inaffondabile.

L’ultima lettera di Vincenzo Gilardino è datata 6 aprile 1912, indirizzata a suo fratello Gustavo. A quel tempo il mittente risulta al numero15 Bellevue Road, a Southampton.

«Caro Gustavo. Spero tu abbia ricevuto la mia cartolina da Belfast. Mi dispiace non averti potuto scrivere prima. Stavo sempre aspettando una tua lettera per darti una buona notizia. Il 10 partirò sul Titanic, la nave più grande del mondo. Mi farò tagliare i baffi, ma non importa! Non appena torno, sarò in grado di dirti se il posto è buono o meno, ma sono molto fiducioso. Appena lo ricevi, scrivimi presto, in modo da ricevere notizie da te prima di partire. Tanti saluti e baci a te, Agnese e Rina. Tuo fratello Vincenzo».

La foto del ristorante di prima classe, À la carte, diretto e gestito da Luigi Gatti (nel riquadro)
La foto del ristorante di prima classe, À la carte, diretto e gestito da Luigi Gatti (nel riquadro)

 

Il riferimento ad Agnese fa capire che Vincenzo si era legato sentimentalmente a una delle sorelle della moglie di Gustavo e pare che i due stessero progettando il matrimonio. Rina a questo proposito scrisse: «Quando mio padre Gustavo andò a Southampton dopo il naufragio del Titanic, per raccogliere le cose di Vincent, trovò una foto di Vincenzo e Agnese insieme a Firenze».

Forse Agnese andò a salutarlo al momento della partenza del Titanic da Southampton.

Vincenzo era sicuramente orgoglioso di essere entrato nello staff di bordo come cameriere di prima classe in forza al ristorante À la carte, gestito e diretto da Luigi Gatti. Come accenna nella lettera al fratello a malincuore dovette tagliarsi i folti baffi, per ordine dello stesso commissario di bordo della White Star Line. Quei mustacchi neri ne segnavano in modo troppo evidente l’italianità e sul Titanic si preferiva personale di servizio dall’aspetto internazionale.

Non si hanno altre notizie degli ultimi giorni di vita di Vincenzo che visse da vicino quell’epico viaggio, tra il lusso della prima classe (322 passeggeri) e la modesta collocazione degli altri passeggeri (277 in seconda) e 709 in terza classe così ben tratteggiata dall’epico film Titanic, girato nel 1997 da James Cameron.

Chissà se anche lui ascoltò le ultime note dell’orchestra che come vuole la leggenda suonò fino all’ultimo sul ponte del transatlantico in agonia.Vincenzo Gilardino morì all’età di 31 anni accomunato nella sorte al destino della maggior parte dei passeggeri e dell’equipaggio del Titanic.

Il RSM Titanic fu un transatlantico britannico della classe Olympic, di proprietà della compagnia navale White Star Line. Durante il suo viaggio inaugurale il 10 aprile 1912 (da Southampton a New York) entrò in collisione con un iceberg alle 23.40 di domenica 14 aprile 1912. Affondò lunedì 15 aprile 1912 al largo di Terranova. A bordo 2223 persone, di cui se ne salvarono soltanto 705. Il Titanic era lungo 269,9 metri, largo 28 e alto 53,3 metri. La sua velocità massima era di 24 nodi (44 km/h). L’equipaggio era formato da 898 membri. I passeggeri erano 2220, di cui 709 in terza classe, 277 in seconda e 322 in prima.

Il suo corpo non fu mai identificato. Le acque gelide dell’Atlantico sono state la sua tomba.

Alla famiglia non risulta sia stato dato alcun risarcimento ufficiale. Di lui non restano che alcune lettere, qualche foto e la memoria del suo ultimo nipote, Luigi Gilardino di 94 anni che vive a Canelli. Luigi, figlio di uno dei fratelli di Vincenzo, Edoardo Gilardino, non ha mai conosciuto lo zio. Egli ricorda solo quello che gli raccontarono i genitori.

Uno spaccato della vita di Vincenzo si deve alle testimonianze della nipote Rina che aggiunge in una lettera un altro particolare: «Vorrei registrare un’altra storia, in parte perché dà un’idea del personaggio di Vincent e in parte perché è una bella storia di vera onestà. Mentre mio padre (Gustavo, ndr) era a Southampton dopo il naufragio, un uomo lo fermò per strada dicendo: “Sono sicuro che sei il fratello di Vincent, perché sei così simile a lui.

Vincent prima di partire mi aveva prestato 60 sterline per curare mia moglie molto malata”. Il giorno dopo quest’uomo venne da mio padre e gli diede 60 sterline. Non c’era stato alcun resoconto scritto del prestito, ma bastò la parola».

Il naufragio del transatlantico è stato epicamente raccontato in molti film e romanzi. Il più famoso è Titanic, film del 1997, scritto e diretto da James Cameron, con protagonisti Leonardo Di Caprio e Kate Winslet, nei ruoli di Jack e Rose, due giovani di diverse classi sociali che si innamorano durante il viaggio.

 

Il RSM Titanic fu un transatlantico britannico della classe Olympic, di proprietà della compagnia navale White Star Line. Durante il suo viaggio inaugurale il 10 aprile 1912 (da Southampton a New York) entrò in collisione con un iceberg alle 23.40 di domenica 14 aprile 1912. Affondò lunedì 15 aprile 1912 al largo di Terranova. A bordo 2223 persone, di cui se ne salvarono soltanto 705. Il Titanic era lungo 269,9 metri, largo 28 e alto 53,3 metri. La sua velocità massima era di 24 nodi (44 km/h). L’equipaggio era formato da 898 membri. I passeggeri erano 2220, di cui 709 in terza classe, 277 in seconda e 322 in prima.

L’ultima cena a bordo del Titanic al ristorante À la carte di prima classe comprese numerose portate. A servire questo sontuoso menu anche Vincenzo Pio Gilardino, cameriere di prima classe.

 

Menu dell’ultima cena del Titanic di prima classe

Antipasti: ostriche, consommé, crema d’or- zo e salmone bollito in salsa di cetrioli.

Secondi piatti: filet mignon, pollo alla lione- se, agnello alla menta, arrosto d’anatra in salsa di mele, controfiletto di manzo con patate, punch, piccione arrosto, asparagi in insalata, paté di fegato d’oca e sedano.

Primi piatti: piselli e crema di carote, riso bollito e patatine novelle

Dessert: pudding (budino anglosassone), pesche in gelatina con liquore, bignè di cioccolato e vaniglia, gelato, caffè.

Il menu era presentato in una cartelletta decorata con il simbolo della stella bianca della compagnia di navigazione che univa allegoricamente Europa e America. 

Nessuno dei colleghi di Vincenzo si salvò

 

Vincenzo non fu l’unico italiano a bordo del Titanic. Si contano, infatti, 37 italiani, di cui solo 8 passeggeri. I restanti erano tutti camerieri, guidati da Luigi Gatti, nel riquadro. Nessuno dei camerieri riuscì a salvarsi. Ecco l’elenco dei compagni di lavoro di Vincenzo Gilardino come risulta dai documenti ufficiali di imbarco sul Titanic.

Allaria Battista Antonio, Molini di Triora (Im), 22 anni

Banfi Ugo, Caravaggio (Bg), 24 anni

Basilico Giovanni Cipriano, Ceriano Langhetto (Mb), 27 anni

Bernandi Battista, Roccabruna (Cn), 22 anni Bertoldo Fioravante Giuseppe, Burolo (To), 23 anni Beux Davide, San Germano Chisone (To), 26 anni Bochet Pietro Giuseppe, Saint Pierre (Ao), 43 anni Casali Giulio, Maleo (Lo), 34 anni

Crovella Paolo Luigi, San Sebastiano da Po (Tn), 17 anni

De Marsico Giovanni, Milano, 20 anni

Donati Italo Francesco, Casalmaggiore (Cr), 17 anni

Luigi Gatti, Montalto Pavese (Pv), 36 anni

Nannini Francesco Luigi Arcangelo, Marradi (Fi), 42 anni

Peracchio Alberto, Fubine (Al), 20 anni

Peracchio Sebastiano, Fubine (Al), 18 anni

Perotti Alfonso, Borgomanero (No), 20 anni

Poggi Emilio Santo Attanasio, Calice Ligure (Sv), 28 anni Ratti Enrico Rinaldo, Cassano d’Adda (Mi), 21 anni Ricaldone Rinaldo Renato, Alessandria, 21 anni

Rotta Angelo Mario, Novara, 23 anni

Saccaggi Giovanni Giuseppe Emilio, Cannobio (Vb), 24 anni

Salussolia Giovanni, Alice Castello (Vc), 25 anni

Scavino Candido, Guarene (Cn), 42 anni

Sesia Giacomo, provenienza sconosciuta, 24 anni Testoni Ercole, Bagni di Lucca (Lu), 23 anni Urbini Roberto, Roma, 20 anni

Valvassori Ettore Luigi, Montodine (Cr), 35 anni

Vioni Roberto, Roma, 25 anni

Zarracchi Luigi, Milano, 26 anni

 

 

Per saperne di più

Il ritrovamento del Titanic, di Robert D. Ballard, editore Mondadori, 1987

Siti internet

encyclopedia-titanica.org / titanicdiclaudiobossi.com / wikipedia.org / mole24.it

 

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Latest posts by Elisabetta Maria Rosa Testa (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

La collina di Spoon River – Marzo 2017

Paolo De Benedetti 23 dicembre 1927 – 11 dicembre 2016 Teologo, docente universitario Ho trascorso la vita a studiare la natura di Dio. Ora lo vedrò in...

Secondo e terzo trimestre 2016

2016 - 13 maggio Riapre dopo vent’anni Palazzo Alfieri. Dopo annosi lavori di ristrutturazione, la dimora del Trageda è nuovamente visitabile con un percorso...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE