mercoledì 24 Aprile, 2024
HomeTracce di...Le radici astigiane del filosofo Mario Perniola
Tracce di

Le radici astigiane del filosofo Mario Perniola

Quelle passeggiate a Viatosto. Gli studi a Torino e la fama internazionale

La citazione tratta da La luna e i falò di Cesare Pavese è celebre: «Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei, resta ad aspettarti».

Il filosofo Mario Perniola era arrivato a una conclusione diversa: «Abitare non vuol dire affatto essere a casa propria. Abitare vuol dire essere con i luoghi in un rapporto che non è soltanto di vicinanza, ma parimenti di lontananza: la vicinanza conserva, non sopprime, la lontananza». Così scrisse nel suo più famoso trattato Transiti: come si va dallo stesso allo stesso, dato alle stampe da Cappelli Editore a Bologna nel 1985.

Mario Perniola è scomparso a Roma il 9 gennaio scorso, all’età di 76 anni. Nei servizi che le pagine culturali di molti giornali gli hanno dedicato è stato definito “intellettuale di spicco del panorama culturale mondiale”. Molti hanno ricordato che Perniola era nato ad Asti il 20 maggio 1941.

Ad Asti aveva trascorso l’infanzia, nel periodo angoscioso della guerra, in compagnia dei nonni che furono i punti di riferimento essenziali dei suoi primi anni. Il piccolo Mario ha un rapporto intenso e privilegiato con il nonno materno Silvio de Carlo, allora direttore della filiale della Banca d’Italia di Asti. La sua giovinezza si alterna tra la casa in via Pietro Micca, dove era nato, e quella di corso Dante, tutt’ora abitata dalla sorella, Rosangela Perniola, detta Angì.

I ricordi astigiani sono sempre rimasti vividi nella memoria di Mario, come racconta la figlia Ivelise, che abita a Roma: «A casa ci parlava spesso di alcuni luoghi di Asti che gli erano rimasti nella memoria. Ricordava le gite al Tanaro con la bicicletta oppure le lunghe passeggiate fino alla chiesetta di Viatosto».

“L’arte espansa” è uno degli ultimi saggi di Perniola

Teorico del concetto di «transito». Sepolto a Nemi con un singolare epitaffio

 

La serenità del piccolo Mario si incrinò all’età di undici anni con la morte del nonno al quale era legatissimo. I genitori erano spesso lontani. Il padre Nicola era direttore della farmacia dell’Ospedale di Alessandria, la madre, Olimpia, era diplomata maestra, senza aver mai esercitato la professione. Forse si svilupparono in quel periodo le prime radici del concetto di “transito”, di questa parola tanto cara alla sua successiva ricerca filosofica: il sentirsi costantemente in bilico, straniero in terra straniera.

Nei primi anni Cinquanta frequenta la scuola media Brofferio e dimostra un’intelligenza acuta e versatile. Crescendo, Asti inizia ad andargli stretta, scomoda, incapace di soddisfare i suoi sogni, la sete di conoscenza. Negli anni Sessanta, il futuro filosofo intraprende il cammino universitario a Torino, sotto l’ala protettrice del professor Luigi Pareyson. È uno studente brillante, frequenta gli ambienti intellettuali e intrattiene rapporti di amicizia con Gianni Vattimo e Umberto Eco. Amicizie che coltiverà per tutta la vita. Ad Asti torna con regolarità e conosce, da studente universitario non ancora laureato, il grande amore della sua vita, Graziella Gaggioli, che frequenta gli stessi ambienti studenteschi. Una relazione che sfocerà anni dopo in matrimonio e porterà alla nascita, il 29 luglio 1975, della piccola Ivelise, quando la coppia sarà già domiciliata a Roma. A Torino Perniola si laurea con il massimo dei voti: 110 e lode e la sua tesi ottiene la dignità di stampa. Uscirà con il titolo Metaromanzo per i tipi dell’editore Silva e avrà l’onore di una recensione nell’ottobre di quell’anno sul Corriere della sera a firma di Eugenio Montale. Dopo la laurea, brucia le tappe e dopo alcuni anni come assistente arriva il primo incarico accademico all’Università di Salerno come docente di Estetica, poi verrà la docenza all’Università di Roma Tor Vergata. «Mio fratello Mario aveva molte patrie di elezione, se così possiamo definirle. Rimaneva l’affinità con Asti, ma in fondo non si sentiva a casa da nessuna parte», ricorda la sorella Angì. La carriera universitaria cresce e il nome di Perniola diventa un punto di riferimento per studenti e studiosi. Tiene corsi e conferenze in Francia, Danimarca, Brasile, Canada, Giappone, Usa e Australia: un lungo peregrinare che non fa altro che alimentare quel senso di sradicamento. «Mio fratello Mario è tornato ancora qualche volta ad Asti. Ci vedevamo, spesso anche a Torino, ma i tempi erano contingentati per via dei suoi impegni internazionali», racconta ancora Angì.

 

Dieci anni fa una conferenza sul ’68 ospite di Passepartout

La sua classe alla media Brofferio, frequentata nei primi Anni Cinquanta

 

L’ultimo e più significativo passaggio nella città natale risale a dieci anni fa. Fu invitato dalla direzione della Biblioteca Astense all’edizione di Passepartout del 2008 e il 14 giugno tenne una conferenza dal titolo «Pensare il ‘’68», insieme allo scrittore francese Pascal Bruckner. Con gli anni Perniola si era stabilito a Roma, ma la frenesia della grande città lo inquietava. Ha trovato così un luogo pacifico e tranquillo dove raccogliere pensieri e memorie: è Nemi, un comune a 30 chilometri dalla Capitale. È un borgo arroccato, che dà sull’omonimo lago, un tempo sacro alla dea Diana. Un luogo magico, con cui il filosofo stabilisce un rapporto di affinità simile a quello della sua Asti giovanile. «A Nemi andava spesso, forse è il luogo a lui più familiare. Infatti, ha voluto esservi sepolto», racconta la figlia Ivelise. Mario Perniola ha deciso anche l’epitaffio che ha voluto così scritto: Neque hic vivus neque illic mortuus. Non qui vivo, non là morto. Poco tempo prima di morire, il filosofo, parlando tra amici – come ha riportato lo scrittore Sergio Benvenuto – disse: «Vorrei essere come quel personaggio che viveva nell’aeroporto di Roissy a Parigi, perché per un intrigo burocratico non gli permettevano di entrare in Francia e nemmeno di ripartire», riferendosi al film The Terminal. Asti, da cui Mario Perniola ha preso il volo, lo saprà ricordare come merita?

Latest posts by Elisabetta Maria Rosa Testa (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

La collina di Spoon River – Marzo 2017

Paolo De Benedetti 23 dicembre 1927 – 11 dicembre 2016 Teologo, docente universitario Ho trascorso la vita a studiare la natura di Dio. Ora lo vedrò in...

Secondo e terzo trimestre 2016

2016 - 13 maggio Riapre dopo vent’anni Palazzo Alfieri. Dopo annosi lavori di ristrutturazione, la dimora del Trageda è nuovamente visitabile con un percorso...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE