lunedì 28 Novembre, 2022
HomeLo scaffaleDal sogno di una tromba è nato un maestro del jazz
LO SCAFFALE

Dal sogno di una tromba è nato un maestro del jazz

È un lungo racconto, una favola bella. È un libro piacevole da leggere, nelle voci alternate di Dino Piana e Armando Brignolo. È la storia di un uomo che da quando aveva tre anni sognava di suonare la tromba e suonò, in effetti, nella banda di Refrancore: una bellissima fotografia lo mostra nanerottolo compunto circondato da uomini alti, quasi abbracciato. Poi è cresciuto Dino Piana, ha studiato musica, ma non ha mai imparato il solfeggio e dovunque si presentasse la prima cosa che diceva era: «Io non conosco la musica». La musica l’aveva scoperta come una folgorazione durante un sogno che apparve chiarissimo: lì scoppiò la passione. Nella grande famiglia di Dino Piana c’erano tanti zii che lo coccolavano, ma uno in particolare aveva capito l’innato talento per la musica del nipote. Gli regalò una tromba. Gli fu subito facile trovare le note. Lo zio Marcellino gli diede delle lezioni, il piccolo Dino andava dietro il pianoforte dello zio con uno strabiliante senso del ritmo, ma trovava inutile e noioso leggere le note.

Arrivò dall’America un altro zio che, conoscendo l’entusiasmo del nipote, lo portò nel negozio di Massara, dove spesso Dino si recava con qualche scusa, magari comprare uno spartito che non avrebbe mai letto, e si fermava per delle mezzore «tanto per godermi il piacere di un’atmosfera che ritenevo unica. E sentire l’odore del cuoio delle custodie degli strumenti mi inebriava. In quello stesso anno, grazie allo zio Vittorio, Dino sentì parlare della musica americana che ascoltava sintonizzando la radio sulle stazioni d’oltreoceano. Dino incominciò a suonare con altri nei locali, sui balli a palchetto, fino a formare un gruppo chiamato Scala d’oro. Purtroppo l’attività dei genitori, trasferitisi a Torino, ebbe un crollo. Incominciò un periodo buio. Risolti i problemi economici senza mai smettere di suonare, Dino Piana fece sul serio. Si presentò dovunque pensasse di poter trovare ingaggi e avvicinò i grandi jazzisti dell’epoca, da Enrico Rava a Gianni Basso, Oscar Valdambrini, Gianni Coscia, Franco Cerri e moltissimi altri. «Tutti musicisti con i quali, modestamente, ho contribuito a scrivere la storia del jazz moderno in Italia». Incomincia l’irresistibile ascesa, i molti viaggi, gli applausi fragorosi per l’elegante maestro astigiano del jazz.

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE