martedì 18 Giugno, 2024
HomeLo scaffaleDal sogno di una tromba è nato un maestro del jazz
Lo Scaffale

Dal sogno di una tromba è nato un maestro del jazz

È un lungo racconto, una favola bella. È un libro piacevole da leggere, nelle voci alternate di Dino Piana e Armando Brignolo. È la storia di un uomo che da quando aveva tre anni sognava di suonare la tromba e suonò, in effetti, nella banda di Refrancore: una bellissima fotografia lo mostra nanerottolo compunto circondato da uomini alti, quasi abbracciato. Poi è cresciuto Dino Piana, ha studiato musica, ma non ha mai imparato il solfeggio e dovunque si presentasse la prima cosa che diceva era: «Io non conosco la musica». La musica l’aveva scoperta come una folgorazione durante un sogno che apparve chiarissimo: lì scoppiò la passione. Nella grande famiglia di Dino Piana c’erano tanti zii che lo coccolavano, ma uno in particolare aveva capito l’innato talento per la musica del nipote. Gli regalò una tromba. Gli fu subito facile trovare le note. Lo zio Marcellino gli diede delle lezioni, il piccolo Dino andava dietro il pianoforte dello zio con uno strabiliante senso del ritmo, ma trovava inutile e noioso leggere le note.

Arrivò dall’America un altro zio che, conoscendo l’entusiasmo del nipote, lo portò nel negozio di Massara, dove spesso Dino si recava con qualche scusa, magari comprare uno spartito che non avrebbe mai letto, e si fermava per delle mezzore «tanto per godermi il piacere di un’atmosfera che ritenevo unica. E sentire l’odore del cuoio delle custodie degli strumenti mi inebriava. In quello stesso anno, grazie allo zio Vittorio, Dino sentì parlare della musica americana che ascoltava sintonizzando la radio sulle stazioni d’oltreoceano. Dino incominciò a suonare con altri nei locali, sui balli a palchetto, fino a formare un gruppo chiamato Scala d’oro. Purtroppo l’attività dei genitori, trasferitisi a Torino, ebbe un crollo. Incominciò un periodo buio. Risolti i problemi economici senza mai smettere di suonare, Dino Piana fece sul serio. Si presentò dovunque pensasse di poter trovare ingaggi e avvicinò i grandi jazzisti dell’epoca, da Enrico Rava a Gianni Basso, Oscar Valdambrini, Gianni Coscia, Franco Cerri e moltissimi altri. «Tutti musicisti con i quali, modestamente, ho contribuito a scrivere la storia del jazz moderno in Italia». Incomincia l’irresistibile ascesa, i molti viaggi, gli applausi fragorosi per l’elegante maestro astigiano del jazz.

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Ottobre-novembre-dicembre 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE