mercoledì 7 Dicembre, 2022
HomeTempo FuturoALICE 2.0 LA RAGAZZA CON L’IPAD
TEMPO FUTURO

ALICE 2.0 LA RAGAZZA CON L’IPAD

A 28 ANNI E’ TRA LE CREATIVE DIGITALI PIU’ APPREZZATE E INNOVATIVE. DOPO L’ESPERIENZA DI LAVORO A NEW YORK IL RITORNO NELLA SUA ASTI.
“ASTIGIANI” NON SI OCCUPA SOLO DEL PASSATO IN SENSO STRETTO. LA RUBRICA “TEMPO FUTURO” RACCONTERÀ PICCOLE E GRANDI STORIE DI CHI STA GUARDANDO AVANTI, NON SOLO GRAZIE ALLA GIOVINEZZA. CON TENACIA E FANTASIA, SENZA DIMENTICARE LA FORZA E IL GUSTO DELLE SUE ORIGINI.

La Alice si guadagna da vivere stando seduta davanti ad un computer, ma come fa?, dice un po’ stupita nonna Irma, nata e cresciuta a Tonco.
Lei, Alice, nel biglietto da vista rigorosamente digitale, si definisce una “creative thinker” che crea, realizza e diffonde strategie di comunicazione sui new media. Mestiere di un futuro che è già presente.
Classe 1984, Alice Avallone, astigianissima, da un paio d’anni raccoglie premi internazionali con la stessa tenacia con cui da piccola collezionava punte colorate di matite. All’epoca frequentava la prima elementare alla “Baracca” e quella sua “strana” passione divenne così rapidamente contagiosa. “Tutti quelli della mia classe iniziarono a collezionare anche loro punte di matita” racconta Alice. “La regola era che dovevano spezzarsi naturalmente, non valevano le matite nere mentre le punte bianche erano le più rare e dunque preziose.
Dalle matite al web. Un po’ per scherzo, un po’ per gioco, è nato dalla sua creatività www.nuok.it. Nuok significa New York come lo pronuncerebbe un bambino, è l’impronta tremolante sullo scanner dell’immigration lasciata da una ragazza “di provincia” che sbarca per la prima volta nella Grande Mela dei telefilm, dei taxi gialli e delle Torri Gemelle viste crollare in diretta tv.
Alice arriva in America il 5 agosto 2009. “Dovevo stare a New York dieci giorni, invece complice l’incontro con un ragazzo e un lavoro, ho deciso di trasferirmi. Inizialmente il blog Nuok raccoglieva la mia New York, che cosa vivevo, che cosa assaggiavo, che cosa provavo. Con il passare dei mesi, ho coinvolto altri creativi italiani: scrittori, giornalisti, illustratori, fotografi. Tutti con lo stesso entusiasmo nel condividere il proprio mondo.
Tantissimi hanno iniziato a scriverci da tutte le parti del mondo, offrendosi di collaborare, di raccontare altre città, altri tesori nascosti agli occhi dei turisti, altre perle conosciute solo agli insiders. È nata così l’idea e insieme l’esigenza di aprire un network”.
Sono arrivate così le corrispondenze intime e divertenti da Chioto, Sanfransisco, Peris, Pizburg, Borlin, “il racconto di un’altra Italia fuori dai confini geografici”. Ora che la moda di Nuok è stata lanciata e premiata, per Alice è venuto il momento di tornare casa. “Sarà per la nostalgia della carne cruda tagliata al coltello, che non si trova così come la voglio nemmeno da Eataly sulla Quinta strada. O per gli agnolotti d’asino che mangiavo da bambina”. Sarà per la finestra di casa che s’affaccia su piazza Alfieri “con Vittorio lì sul piedistallo, i tetti rossi, il via vai del mercato, il tramonto sulle colline”. Sarà perché anche a New York, dopo un po’ che ci vivi “scopri le stesse file alle Poste, stessi pettegolezzi da quartiere, stessi problemi con la neve d’inverno, stessi mercatini dell’antiquariato la domenica”. Sarà perché Alice ama profondamente Asti. “Mi ha dato tanto. Penso alle persone che hanno segnato la mia crescita umana e professionale: Donatella Gnetti che mi affidò la sezione giovane di Passepartout, Laurana Lajolo che mi ha coinvolto in Culture Giovani, il fotografo Franco Rabino, i miei insegnanti di liceo Andrea Amerio e Gianfranco Ruscalla. “Se non fossi nata in provincia, forse non avrei mai avuto la spinta sufficiente per uscire fuori, trovare la mia strada e poi tornare” annota con tocco pavesiano. A questa ventottenne talentuosa non mancano le idee per fare di Asti una città 2.0, ovvero aperta alle nuove forme di comunicazione. Il sogno è creare una guida  interattiva che mostri i tesori nascosti di Asti (“prima di tutto agli astigiani, che fanno a gara a lamentarsi di ciò che al città non ha…”). Si è ripromessa di stare ad Asti per un po’ di tempo, intanto “la ragazza con l’iPad” non smette di dialogare con tutto il mondo dal salotto di casa. Al posto delle valigie fa viaggiare le idee, costruisce progetti come faceva  la bambina con i Lego. Il segreto? Amare il lavoro tanto da considerarlo un gioco  appassionante. Come collezionare punte di matite colorate.

Le schede

L’AUTRICE DELL’ARTICOLO

Latest posts by Roberta Favrin (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE