mercoledì 22 Maggio, 2024
HomeIl trovarobeAbbassa il finestrino con la manovella e apri il deflettore
Il Trovarobe

Abbassa il finestrino con la manovella e apri il deflettore

Era un optional montato sui vetri laterali quando non c’erano ancora i climatizzatori

Il deflettore è un oggetto rimasto nella memoria di chi ha passato almeno i quaranta. Se si prova a chiedere oggi a un giovane che cosa sia, si avranno le risposte più disparate. Deflettore è una cosa che “deflette” e poi… Persino l’onnisciente Wikipedia, l’enciclopedia elettronica su Internet, non lo descrive se non per la parte legata agli aerei e agli alianti. E così ci avviciniamo  al “nostro” deflettore, cioè quel dispositivo meccanico che fu adottato sulle automobili degli Anni ’60-’70 e resistette fino  all’avvento delle ventole e dell’aria condizionata, destinate a rinfrescare gli abitacoli alla temperatura desiderata. Il deflettore riscosse da subito notevole interesse tra il pubblico degli automobilisti. Va detto che fino a quel momento i finestrini laterali,  che si abbassavano rigorosamente a manovella, erano squadrati e “tutto d’un pezzo” e per cambiare l’aria nell’abitacolo bisognava necessariamente tirare giù il vetro scorrevole del finestrino. Le prime auto avevano due vetri che si aprivano scorrendo lateralmente (la Renault 4 mantenne questo sistema fino agli Anni Novanta). 

Poi vennero i finestrini a scomparsa nello spessore della porta. Il deflettore era posizionato nell’angolo della portiera vicino al piantone del parabrezza. Erano due, uno per lato. Premendo un pulsante interno si apriva ad ala e faceva entrare aria dall’esterno. Ovviamente era efficace soprattutto quando l’auto era in movimento e il flusso dell’aria si modulava in base all’inclinazione aerodinamica del deflettore e alla velocità. Tanto più era aperto, tanta più aria entrava nell’abitacolo. La mitica NSU Prinz, utilitaria tedesca degli Anni ’70, lo propose di serie mentre per la concorrente Fiat 127 era un optional a pagamento. Adottato anche su camion e camioncini, era ideale nei lunghi viaggi e, anche in caso di pioggia, assicurava il ricambio d’aria senza far entrare acqua. Si dimostrò utile anche per i fumatori e diventò la feritoia preferenziale per buttare cenere e cicche. Naturalmente c’erano anche degli aspetti negativi. Il primo lato debole fu che divenne il punto di ingresso dei ladri d’auto. Se lo si lasciava socchiuso era facile infilare la mano e aprire la portiera dall’esterno.

Molte volte veniva forzato con una leva. Allo stesso modo, se per sbaglio si rimaneva chiusi fuori dall’auto, si poteva intervenire cercando di aprirlo a fin di bene. Inizialmente ornato da bordini cromati e successivamente smaltati in tono con il colore dell’auto, fu affiancato a un certo punto da alette antirombo in plastica che venivano montate all’esterno della portiera e assicuravano l’ingresso dell’aria a finestrini abbassati. Poi, come sempre capita nello sviluppo tecnologico, il deflettore scomparve dai vari modelli di auto che man mano adottarono i vetri laterali elettrici sagomati per tutto la larghezza della portiera. E infine si è diffusa la dotazione di climatizzatori e aria condizionata a bordo, con buona pace dei malanni causati dagli sbalzi termici tra il caldo estivo e il freddo degli abitacoli.  

 

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Ottobre-novembre-dicembre 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

La collina di Spoon River – Marzo 2017

Paolo De Benedetti 23 dicembre 1927 – 11 dicembre 2016 Teologo, docente universitario Ho trascorso la vita a studiare la natura di Dio. Ora lo vedrò in...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE