mercoledì 17 Agosto, 2022
HomeIl trovarobeAbbassa il finestrino con la manovella e apri il deflettore
IL TROVAROBE

Abbassa il finestrino con la manovella e apri il deflettore

Era un optional montato sui vetri laterali quando non c’erano ancora i climatizzatori

Il deflettore è un oggetto rimasto nella memoria di chi ha passato almeno i quaranta. Se si prova a chiedere oggi a un giovane che cosa sia, si avranno le risposte più disparate. Deflettore è una cosa che “deflette” e poi… Persino l’onnisciente Wikipedia, l’enciclopedia elettronica su Internet, non lo descrive se non per la parte legata agli aerei e agli alianti. E così ci avviciniamo  al “nostro” deflettore, cioè quel dispositivo meccanico che fu adottato sulle automobili degli Anni ’60-’70 e resistette fino  all’avvento delle ventole e dell’aria condizionata, destinate a rinfrescare gli abitacoli alla temperatura desiderata. Il deflettore riscosse da subito notevole interesse tra il pubblico degli automobilisti. Va detto che fino a quel momento i finestrini laterali,  che si abbassavano rigorosamente a manovella, erano squadrati e “tutto d’un pezzo” e per cambiare l’aria nell’abitacolo bisognava necessariamente tirare giù il vetro scorrevole del finestrino. Le prime auto avevano due vetri che si aprivano scorrendo lateralmente (la Renault 4 mantenne questo sistema fino agli Anni Novanta). Poi vennero i finestrini a scomparsa nello spessore della porta. Il deflettore era posizionato nell’angolo della portiera vicino al piantone del parabrezza. Erano due, uno per lato. Premendo un pulsante interno si apriva ad ala e faceva entrare aria dall’esterno. Ovviamente era efficace soprattutto quando l’auto era in movimento e il flusso dell’aria si modulava in base all’inclinazione aerodinamica del deflettore e alla velocità. Tanto più era aperto, tanta più aria entrava nell’abitacolo. La mitica NSU Prinz, utilitaria tedesca degli Anni ’70, lo propose di serie mentre per la concorrente Fiat 127 era un optional a pagamento. Adottato anche su camion e camioncini, era ideale nei lunghi viaggi e, anche in caso di pioggia, assicurava il ricambio d’aria senza far entrare acqua. Si dimostrò utile anche per i fumatori e diventò la feritoia preferenziale per buttare cenere e cicche. Naturalmente c’erano anche degli aspetti negativi. Il primo lato debole fu che divenne il punto di ingresso dei ladri d’auto. Se lo si lasciava socchiuso era facile infilare la mano e aprire la portiera dall’esterno. Molte volte veniva forzato con una leva. Allo stesso modo, se per sbaglio si rimaneva chiusi fuori dall’auto, si poteva intervenire cercando di aprirlo a fin di bene. Inizialmente ornato da bordini cromati e successivamente smaltati in tono con il colore dell’auto, fu affiancato a un certo punto da alette antirombo in plastica che venivano montate all’esterno della portiera e assicuravano l’ingresso dell’aria a finestrini abbassati. Poi, come sempre capita nello sviluppo tecnologico, il deflettore scomparve dai vari modelli di auto che man mano adottarono i vetri laterali elettrici sagomati per tutto la larghezza della portiera. E infine si è diffusa la dotazione di climatizzatori e aria condizionata a bordo, con buona pace dei malanni causati dagli sbalzi termici tra il caldo estivo e il freddo degli abitacoli.  

 

Latest posts by Pier Ottavio Daniele (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

LA PACIFICA RIVOLUZIONE DELLA MAESTRA LINA

Nel 1911 arriva a dirigere l’asilo Ferrer Lina Borgo insegnante alessandrina, vedova con sei figli   Asti, aprile 1911. Nel nuovo quartiere operaio di corso Felice...

ASTI SI È LASCIATA SFUGGIRE UN GIOIELLO D’ARTE IL TEATRINO DEI RISSONE ACQUISITO DA...

Giovanni Rissone nell’Ottocento recitava l’Alfieri a memoria   Genova, per noi che stiamo in fondo alla campagna», oltre che per il sole e il mare che...

LA CARICA DEI NOSTRI VENT’ANNI PER FESTEGGIARE IL 20° NUMERO DI ASTIGIANI

QUESTA VOLTA L’ALBUM DI FAMIGLIA È DAVVERO SPECIALE. PER FESTEGGIARE IL VENTESIMO NUMERO DI ASTIGIANI ABBIAMO CHIESTO AI LETTORI DI RIAPRIRE I CASSETTI E DI...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE