sabato 26 Novembre, 2022
HomeInsiemeUtea: l'Università dove il sapere non ha età
Insieme

Utea: l’Università dove il sapere non ha età

L'associazione è attiva dal 1982. Oltre 2.800 tesserati tra docenti e corsisti

Si può rinascere fino al penultimo giorno di vita: lo spirito dell’Utea, Università della Terza Età, è racchiuso in una manciata di parole firmate da don Antonio Mazzi. La storia dell’Utea è lunga trent’anni e come i suoi corsisti, “over” solo all’anagrafe e giovane per intraprendenza, impegno, volontà. Per celebrare il traguardo, l’Utea ha scelto di raccontarsi in “Corsi e percorsi”, un volume di testimonianze stampato in 3 mila copie, curato da Elena Berta, Piergiorgio Bricchi, Alessandro Cerrato, Aldo Gamba, Antonio Guarene, Ferruccio Zanchetti. Il libro vive di racconti e ricordi. Il primo anno accademico risale al 1982. Per la sua nascita fu determinante l’intervento dell’allora presidente della Provincia Guglielmo Tovo. All’inizio l’associazione fu retta da un Comitato provvisorio. L’11 novembre 1983 si riunirono nello studio del notaio Bruno Marchetti coloro che sono diventati i fondatori dell’associazione: Guglielmo Tovo, Rita Airale, Mario Bozzola, Osvaldo Campassi, Cesare Conti, Antonia Cravero in Panizza, Remo Fornaca, Giacinto Grassi, Carlo Oddone, Luigi Pelissero. Fu stipulato l’atto costitutivo dell’Utea e registrano lo Statuto. A questi astigiani il merito di aver creduto nella “scuola per adulti” e “nel diritto allo studio in tutte le età”. Ora che la vita si prolunga e “over” non è certo sinonimo di vecchio tali principi hanno assunto nuovi valori di socializzazione, studio, cultura. L’Utea nacque con caratteristiche ben precise, e Tovo ne difese sempre con forza la struttura “così com’era stata progettata”, senza colori politici ma “indipendente, autonoma, volontaristica, tesa soltanto a promuovere socializzazione e cultura”. Elementi che tuttora caratterizzano l’Utea, arrivata al nuovo millennio più moderna e informatizzata senza rinunciare a storia e tradizioni.

Il gruppo dirigente dell'UTEA con i docenti che in questo anno accademico tengono oltre 140 corsi
Il gruppo dirigente dell’UTEA con i docenti che in questo anno accademico tengono oltre 140 corsi

I protagonisti di questi trent’anni sono tanti, a partire dai Consigli direttivi che hanno lavorato con passione e senza gettoni, volontari a tutti gli effetti. Vanno ricordati i presidenti Remo Fornaca, Mario Bozzola, Giovanni Maccagno, Loredana Tuzii e i direttori dei corsi Carlo Berruti, Franco Zago, Sergio Cavagnero (anche presidente), Adriana Marchia, Giovanna Banchieri, Francesca Ragusa. Con loro l’Utea è cresciuta per numero di proposte formative, sedi, corsisti. L’offerta dei corsi è vastissima. Oggi si studia di tutto, dall’arabo alle “vie dell’esoterismo”, dalla storia del Piemonte all’ortofrutticoltura, dal restauro alla toponomastica di Asti, senza dimenticare la ginnastica dolce e l’informatica. E poi si viaggia e si va teatro. Attività per tutti, apprezzate anche dagli studenti più “agé” come Cesira Della Torre classe 1920, Giuseppina Nebbia classe 1921. Astigiani che non smettono di aver voglia di imparare. I dati sono la conferma tangibile della crescita di Utea: nel primo anno si proposero 20 corsi, 42 docenti, 300 corsisti (230 donne, 70 uomini), 183 avevano tra i 30 e 50 anni, 117 fra i 51 e gli 80. Nel 31° anno accademico, 2011/2012 i corsi sono diventati 143 corsi con 146 docenti, 2713 corsisti (2.091 donne, 622 uomini), con età media 61 anni. E la crescita continua con l’offerta di nuovi corsi. Non da meno la diffusione sul territorio: Utea oltre che ad Asti tiene corsi a Castagnole Lanze, Castello d’Annone, Costigliole, Grazzano, Monale, Monastero Bormida, Moncalvo, Mongardino, Montemagno, Portacomaro, Refrancore, Rocchetta, San Damiano, San Martino Alfieri, Viarigi, Villafranca e Santo Stefano Belbo.

L’Utea ha sede in c.so alla Vittoria 119. Tel. 0141/437247 – fax 0141/437805; www.provincia.asti.it/enti/utea; utea@provincia.asti.it

Le schede

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE