lunedì 28 Novembre, 2022
Home Tag Provincia

Tag: provincia

Provincia

L'ultima giunta provinciale in carica fino all'ottobre 2012 con la presidente Armosino, al centro con il mazzo di fiori, e gli assessori (da sinistra): Ferraris, Conti, Marinetto, Baudo, Versè, Cardona, Sodano, Brusa
L’annuncio, un po' a sorpresa, arriva il 30 marzo 1935. La città di Asti torna ad essere capoluogo di provincia, dopo la soppressione napoleonica e quella del 1859. Le remore da parte delle province confinanti di Cuneo e Alessandria. Il ruolo di Vincenzo Buronzo, Pietro Badoglio e Giovanni Penna. Dopo la fine della guerra, nasce la deputazione guidata da G.B. Torta. Soltanto nel 1951 si tengono per la prima volta le elezioni provinciali, vinte dalla Democrazia Cristiana che proseguirà il lungo predominio elettorale per decenni. Il nuovo palazzo della provincia, inaugurato nel 1961 dal ministro Mario Scelba. I presidenti: da Amasio alla lunga "Era Andriano", da Tovo al "grappolo" di Goria per finire con Marmo e l’ultima presidente Maria Teresa Armosino. I 77 anni di storia dell’ente.

Utea: l’Università dove il sapere non ha età

Il primo bollettino dell'UTEA
L'associazione è attiva dal 1982. Oltre 2800 tesserati tra docenti e corsisti

MUSSOLINI CONCEDE LA PROVINCIA MA SPEGNE IL PALIO

Il 1935 è un anno importante per la vita astigiana. Dopo un lungo e tormentato iter quell’anno, a marzo, viene conferito alla città il titolo di capoluogo di provincia e si crea il nuovo ente ritagliato sulla carta amministrativa del Piemonte tra le province di Alessandria e Torino, senza intaccare i confini di quella di Cuneo, forte del veto di Casa Savoia “La Granda non si tocca” . Da Castelnuovo Don Bosco a Serole, Asti ha così la sua Provincia che, i più fantasiosi indicarono a forma di grappolo d’uva.