giovedì 8 Dicembre, 2022
HomeUna vita per la musicaSuono e mi diverto quando mi scambiano per Ricky Gianco
Una vita per la Musica

Suono e mi diverto quando mi scambiano per Ricky Gianco

Angelo Manta da promessa del pugilato a polistrumentista in varie formazioni

Non c’è strumento musicale ostile ad Angelo Manta. A cimentarsi con le sette note, ha cominciato da “grandicello”, a ventidue anni, dopo il servizio di leva in Marina, e il primo “arnese” che ha avuto tra le mani è stato un sassofono contralto . Dopodiché, come dice lui, siciliano di Milena, ma con grande padronanza dei modi di dire astigiani, «è partita la colomba»: al contralto si sono aggiunti mandolino, mandòla, clarinetto, sax tenore, sax soprano, chitarra, pianoforte, fisarmonica, fagotto e tromba. Passione, orecchio e doti innate di adattamento. Gli era balenata anche l’idea dell’arpa, ma la moglie Agnese, insegnante alla scuola Gramsci, gli ha imposto l’aut-aut per una questione di ingombro. Angelo Manta, sessant’anni, ferroviere ora in pensione, è un polistrumentista presente in molti gruppi, dalla banda Città di Asti G. Cotti, alla storica e prestigiosa Mandolinistica Paniati. Ha portato la sua simpatia e il suo codino anche tra i Fiati Pesanti. Va dove si fa musica sembra essere il suo motto. E c’è un’altra sua curiosa particolarità: la straordinaria somiglianza fisica con Ricky Gianco, il cantante rock, compositore e arrangiatore che fece parte del Clan di Celentano, autore di Pugni chiusi. «Sovente mi chiedono anche l’autografo» racconta divertito Angelo ricordando: «Ricky Gianco lo incontrai in occasione di Asti Musica, alcuni anni fa. Quando ci trovammo di fronte, mi disse che gli sembrava di guardarsi allo specchio. Perfino due tecnici del suono, scambiatomi per Gianco, volevano farmi fare la prova audio. Finì con una risata». Sui generi musicali Angelo non ha preferenze: «Suonare in una banda mi regala la stessa soddisfazione dell’essere in un quartetto. Mi piace molto il jazz ed è divertente improvvisare». La passione per la musica prosegue in famiglia: penultimo di sette tra fratelli e sorelle, ha due figlie: Zaira di 31 anni e Aurora, di 11, che studia il violino.

Angelo Manta ai tempi della Palmar box

Nella vita Angelo Manta prima di suonare è stato anche “suonato”. Da ragazzo era una promessa del pugilato. Atleta della Palmar, a 18 anni ha vinto il campionato piemontese della categoria leggeri, sotto la guida di Remo Poggio, che seppe nobilitare la boxe astigiana e diffonderne la cultura tra i giovani.  «Ne ho prese ma ne ho date anche tante» ricorda mostrando le foto in guantoni.  Angelo è una persona generosa e altruista. Oltre a “regalare musica” è un donatore Avis e un eco-volontario: va nelle scuole a spiegare l’importanza del rispetto dell’ambiente e la necessità della raccolta differenziata. 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE