sabato 24 Febbraio, 2024
HomeLingua MadreSui balli a palchetto si davano i “casü”
Lingua madre

Sui balli a palchetto si davano i “casü”

Il mestolo come simbolo del rifiuto delle dame alla richiesta di ballare

Le sale da ballo e i balli a palchetto, presenti soprattutto nelle feste di paese, erano il “palcoscenico” degli incontri tra i giovani in età da matrimonio. 

Per decenni e fino alla fine degli Anni Sessanta le ragazze non fidanzate ufficialmente erano di solito accompagnate dalla mamma, una zia o da una sorella maggiore già sposata che non le perdeva mai di vista, perchè il ballo era già una sorta di impegno. Le donne al seguito della ragazza, dotate di golfino, anche in pieno agosto, erano gli occhi della famiglia sul buon nome della giovane. Infatti, quando gli anziani dicevano “El fa balè na fija”, “Fa ballare una ragazza”, sottintendevano che tra i due ci fosse del tenero: fare coppia fissa con assiduità nel ballo era considerato il primo passo ufficiale e pubblico. E questa espressione veniva sempre usata al maschile: era l’uomo che faceva ballare la ragazza, che si faceva avanti per chiederle: “Permette questo ballo?”, e di conseguenza era ritenuto il protagonista di una scelta nella quale la donna si limitava al ruolo di prescelta. 

È un’illusione che le donne ci hanno lasciato per molto tempo, quella di essere noi ometti a scegliere, in realtà, quasi sempre, oggi come allora, optiamo per la scelta che loro, con bel garbo, cun bel deuit, ci hanno portato a preferire. 

Dal secondo dopoguerra alla fine degli Anni Sessanta il ballo continuò a essere “galeotto” di tanti amori, mantenendo grosso modo inalterati i comportamenti, il linguaggio e i personaggi.

All’invito a ballare la ragazza rispondeva “sì” oppure dava el casü, letteralmente il mestolo, espressione che indicava il rifiuto: nasce dal fatto che, nel dire “no”, la donna sollevava il mento sporgendo in fuori il labbro inferiore, ricordando proprio la foggia del mestolo. C’era tra i giovanotti una sorta di gara consolatoria a chi prendeva più casü

Nei valzer e nelle mazurke la distanza da mantenere tra i due ballerini era facoltà della ragazza: se lasciava avvicinare un po’ di più del consueto il partner (almeno quando sperava di sfuggire all’attenta sorveglianza delle già citate mamme, zie e sorelle) era perchè il giovanotto aveva qualche chances, in caso contrario non c’erano speranze.

Dopo la seconda guerra mondiale arrivarono gli slow, i lenti, in astigiano strensòn, perchè si poteva stringere a sé la ragazza, magari arrischiando un guancia a guancia, sempre che lei lo permettesse. La formula classica delle orchestrine era tre lenti, tre veloci e un riposino. E si ricominciava.

E, ballando ballando, si chiacchierava, si faceva conoscenza, si scopriva qualche interesse in comune: se scattava la scintilla, al termine della serata o del pomeriggio (la domenica) il ragazzo l’avrebbe accompagnata a casa e, magari, azzardato la richiesta di un puntèl (o un tèco), un appuntamento, per il giorno successivo, all’uscita dal lavoro o dalla scuola. Ma per lui la strada restava in salita: ammesso che sbocciasse l’amore, ci voleva tempo per il primo basìn, bacio, e ancora di più per arrivare a una timida ispessiòn a la lingeria (dal francese lingerie), ispezione alla biancheria intima, solitamente bloccata sul nascere. La regola aurea, almeno fino a quando non si era già fissato il giorno del matrimonio, restava racchiusa in una sigla goliardica C.G.P., ciulè gnanca parlena.. 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

I proverbi anticipano le previsioni del tempo

L’attesa della primavera nel folclore meteorologico monferrino¹   «Smenmi d’ Mars, smenmi d’Avrì, fin c’al fassa caod peus nen avn컲: Seminami di marzo, seminami di aprile,...

La collina di Spoon River – Giugno 2017

Vito Walter Sollazzo 22 agosto 1945-10 marzo 2017 Sindacalista e allenatore di calcio Ho sempre amato il gioco di squadra. L’ho praticato per tutta la vita, nella...

Sul calendario

3 aprile Inaugurato a Nizza Monferrato l’hospice che accoglie i malati terminali del reparto di oncologia del Cardinal Massaia. A disposizione dei pazienti una...

La collina di Spoon River – Dicembre 2016

Angelo Franco 11 agosto 1929 - 16 settembre 2016 Autotrasportatore Ero uno dei Cugini Franco. Avevamo deciso di chiamarci così con mio cugino Giacomo quando aprimmo la...

Sul calendario

8 settembre L’ambasciata di Israele assegna il riconoscimento di Giusti fra le nazioni alla memoria di Eugenia e Pietro Gilardi. Coppia di contadini di...

Il monumento in bronzo dedicato alle 5 storiche divisioni

L’alpino di piazza Libertà, nell’aiuola di fronte la Mercato coperto, è da più di 40 anni muto testimone della vita della città. È stato...

La collina di Spoon River – Maggio 2016

Andreina Jodice Napoli, 27 dicembre 1935 - Asti, 2 gennaio 2016 Insegnante di Lettere Sono nata a Napoli, ma la mia famiglia, ed io al seguito, era...

Pino Morino, l’inventore del terzo tempo

Discobolo nazionale e “missionario” del pallone elastico

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE