venerdì 3 Febbraio, 2023
HomeLo scaffalePreghiere e desideri affidate ai settimini
Lo scaffale

Preghiere e desideri affidate ai settimini

Un temporale imminente minaccia la campagna e una donna, vestita di nero scende nel cortile di casa agitando un ramoscello e “addomestica” le nubi cariche di pioggia e grandine, allontanandole.  Questa è soltanto una tra le suggestive immagini contenute in un volume davvero straordinario, che racconta la storia di una famiglia di guaritori astigiani (i Gerbi di Bramairate) senza romanzarla, ma attraverso una seria ed accurata ricerca di carattere etnologico. Il ruolo del “settimino” è infatti analizzato nelle sue relazioni con la propria comunità di riferimento, di cui costituisce inevitabilmente lo specchio delle relative preoccupazioni, desideri e aspirazioni.

Il volume contiene una serie di testimonianze raccolte con precisione tra le cerchie di soggetti entrati, a vario titolo, in contatto con la famiglia di guaritori. Particolarmente suggestive sono le trascrizioni dei quaderni contenenti le richieste di aiuto e riguardanti gli ambiti più svariati: dalla salute al lavoro, alla vita di relazione, ad aspetti economici anche minuti riguardanti i piccoli commerci, la cura della campagna e degli animali. Quella che ci viene restituita è l’immagine di un “servizio” reso alla comunità attraverso l’utilizzo di facoltà sensitive e percettive non comuni; una sorta di sublimazione del “buon senso” contadino, che interagisce con esso senza entrarvi in contrasto e che si sovrappone, senza sostituirle, alle pratiche di devozione. Il ruolo della comunità che si stringe intorno alla famiglia di guaritori è fondamentale nel tracciare il racconto di queste esistenze non comuni: la pluralità delle “voci” ascoltate compone un quadro composito che lascia il lettore libero di formarsi una propria opinione su questa vicenda nei confronti della quale, in ogni caso, è impossibile restare indifferenti.

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE