venerdì 3 Febbraio, 2023
HomeTracce di...La contessa che ammaliò l’Europa
Tracce di

La contessa che ammaliò l’Europa

A Costigliole il castello del marito che tradì "per l’Unità d’Italia". Ricordi e ispirazioni anche a Castiglione Tinella

Se vivesse ai nostri giorni, Virginia Elisabetta Luisa Carlotta Antonietta Teresa Maria Oldoini Verasis Asinari sarebbe sulla scena political-gossip, affollata di curve femminili che ruotano intorno agli scranni dei potenti. Porterebbe però in dote l’intelligenza e l’arguzia, oggi non sempre richieste. 

“Le Regard”, foto Pierre-Louis Pierson
“Scherzo di follia”, foto Pierre-Louis Pierson

Anche la sua figura fisica va considerata con i parametri estetici di allora e i canoni di quell’epoca: il suo corpo, definito una “statua di carne”, era piccolino e aveva forme arrotondate, con mani e piedi minuti, che erano oggetto di adorazione, capelli neri, occhi grandi. La mitica Contessa di Castiglione fu considerata la donna più bella d’Europa nella metà del diciannovesimo secolo. Nata a Firenze nella primavera del 1837, svela presto il carattere brillante e frequenta molto La Spezia, patria paterna e luogo da lei amato per tutta la vita. Ma il suo destino la porterà presto in Piemonte. Nel 1854 a soli 17 anni va in sposa, senza alcun sentimento, a Francesco Verasis Asinari, conte di Costigliole d’Asti e Castiglione Tinella, già vedovo e di 11 anni più anziano di lei. È un matrimonio combinato che consente alla giovane sposa di entrare alla corte sabauda e di diventare ben presto protagonista dei salotti da Torino a Parigi, muovendosi tra la mondanità con grande fascino e astuzia. La storia conferma che fu una pedina importante sullo scacchiere politico mosso da Cavour. Una protagonista che con le armi della seduzione ha offerto un prezioso contributo alla causa piemontese di unità nazionale. Il suo è stato un ruolo “collaterale” e quindi poco riscontrabile nella documentazione storica ufficiale, ma non per questo meno decisivo. Riuscì ad ammaliare l’imperatore dei francesi e la prima notte trascorsa in compagnia di Napoleone III è racchiusa in quella seducente vestaglia di seta verde indossata per l’occasione da Virginia: una delle icone della sua vita, tanto che lei avrebbe voluta averla nella sua tomba, desiderio che non è stato esaudito.

“Conte di Castiglione”, foto Pierre-Louis Pierson

I possedimenti acquisiti da Virginia con il titolo nobiliare del marito la portano quindi a Costigliole d’Asti e a Castiglione Tinella, luoghi che la Contessa ha modo di conoscere in occasione dei viaggi intrapresi in seguito al suo matrimonio. Il castello di Costigliole d’Asti la accolse per un periodo indefinito, forse proprio quando era incinta del figlio Giorgio, nato nel marzo del 1855. Tuttora, in un’ala privata del maniero oggi di proprietà comunale, esistono gli appartamenti e il teatrino fatto costruire per lei dal conte Francesco. Del maniero di Castiglione Tinella non è rimasto più nulla: la casaforte era già stata quasi interamente abbattuta dagli Spagnoli nelle guerre del diciassettesimo secolo e al casato restarono i terreni. La vita matrimoniale si rivelò un fallimento. Il conte Francesco, deluso e indebitato per pagare i capricci della moglie, si separò dalla Castiglione e perse la vita in un tragico incidente nel 1867. La coppia ebbe un figlio, Giorgio, che morì di malattia alla giovane età di 24 anni. Un destino di dolore che la contessa mitigò pubblicamente con il suo intenso vivere da protagonista della scena e del glamour, ovunque andasse. Le apparizioni, gli splendidi abiti e l’avvento della fotografia, che la affascinava, la consacrarono come una icona del costume di quegli anni. Nei suoi “territori” non arrivavano gli echi delle tresche amorose, dei calchi in gesso del suo corpo spediti agli amanti e dei codici cifrati che interpretavano azioni e prestazioni. Era un altro mondo, segnato dal trascorrere delle vendemmie.

Storicamente i nobili Verasis Asinari hanno sempre avuto un buon rapporto con i loro territori e i loro abitanti, ma qui la pubblica scoperta di questo affascinante personaggio è relativamente recente, nei decenni dopo la sua morte, avvenuta a Parigi nel novembre del 1899. Le immagini degli ultimi anni di vita della Contessa raccontano l’inaccettabile decadenza di una grande bellezza avvolta ormai dal nero di una depressione che la portò a far coprire ogni specchio di casa per nascondere la verità del tempo che era passato. Ma lo splendore di Virginia non si è mai spento. Il Premio Grinzane, l’ingordo movimento culturale che ha avuto a Costigliole, terra natale dei fratelli Soria, uno dei “motori” del gorgo, si era occupato negli anni scorsi del personaggio, tanto da arrivare a proporre di trasferire proprio a Costigliole la sua tomba che continua invece giustamente a sostare nel grande monumentale cimitero Père Lachaise di Parigi. Qualcosa comunque riuscì a muovere: pare infatti che l’originaria lapide del sepolcro sia giunta a Torino, dove probabilmente giace ormai da anni in qualche polveroso sottoscala. Ma, al di là della tomba, resta il fatto che a Costigliole e Castiglione non si abbandona la memoria della Contessa. La nobile figura ancora appare interpretata da bellezze contemporanee in carnevali e rievocazioni storiche. A lei sono intitolati il Parco della Contessa a Costigliole d’Asti e la Terrazza Virginia a Castiglione Tinella, dove si è mosso il popolo femminile per cucire e ricamare una copia dei tanti splendidi abiti da lei indossati: la regia è di Lorella Morando che il personaggio lo studia, lo veste e anche lo dipinge. Tutta la parte artistica – defilés compresi – dell’evento estivo castiglionese “Virginia day” è opera sua e di Laura Manzo. Il personaggio offre riferimenti anche all’enogastronomia del territorio: citata su etichette di vini e ispiratrice delle dolci “Contessine”, biscotti con le nocciole delle Langhe creati dai produttori castiglionesi per accompagnare il Moscato d’Asti. A Costigliole le “Donne del Vino” l’hanno scelta come simbolo di femminilità e dinamismo. Una figura fuori dal tempo che lascia ancora un suadente profumo nei luoghi dove è vissuta.  

 

Per saperne di più:

Fermo Cerutti, Castion, Pieraldo Editore

Arrigo Petacco, L’amante dell’Imperatore, Mondadori

Amedeo Pettenati, La belle des belles, Neos Edizioni Storia

Tersilla Gatto Chanu, Le Grandi Donne del Piemonte, Newton Compton Editori

Latest posts by Bruno Penna (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE