mercoledì 19 Giugno, 2024
HomeLa collina di Spoon RiverLa collina di Spoon River - Settembre 2017
La collina di Spoon River

La collina di Spoon River – Settembre 2017

Astigiani dedica queste pagine a chi è salito sulla collina della nostra Spoon River. una manciata di parole. Alla loro memoria

Aldo Cabodi 

19 agosto 1937 – 17 luglio 2017 

agricoltore e attore

 

Ma quanta gente è venuta a salutarmi! Non avrei mai immaginato un funerale così, prima al rosario nella chiesa della mia Cortanze e poi ad Asti con quel caldo al cimitero. Eppure.  Quell’applauso finale mi ha fatto commuovere e sorridere. Io sono abituato agli applausi, ma mi geno sempre un po’ e allora mi copro gli occhi e gratto la testa, nel mio gesto caratteristico di quando sono imbarazzato… 

Sono andato in scena per l’ultima volta con tanti amici, il sorriso triste del mio Davide con Luca e gli amici della mia vita: quella di contadino. Amo la terra, le verdi colline che mi hanno accolto tanti anni fa, e amo la mia vita quella parallela di “artista” e lo dico tra virgolette per non esagerare. Sono stato attore dialettale, ma recitavo anche in italiano, tutti dicevano che la mia voce profonda era perfetta per dar vita alle storie di un tempo o per far ridere con i personaggi da caratterista, burberi e stralunati.

Quanti spettacoli con la compagnia della Brofferio e quanti ricordi, quante emozioni. Ringrazio anche quelli di Cunico che nei miei ultimi anni mi hanno accolto e fatto state bene. Adesso me ne vado e raggiungo gli altri, quelli “che sono andati avanti”: a ritmo di jazz salgo e ci sono mani tese ad accogliermi su un nuovo palcoscenico. 

 

Franca Morra Franco 

17 agosto 1943 – 29 luglio 2017 

Tabaccaia del borgo San Rocco

 

Per tanti anni, insieme a Marco ed ai suoi genitori Pinìna e Candido, vi ho preparato il caffè, vi ho venduto le sigarette e vi ho giocato la schedina del Totocalcio, ma tante volte siete passati dal “tabachìn ‘d San Ròch” anche solo per fare quattro chiacchiere, magari per parlare di Palio. Perché quella che c’è nella “burgà” di San Rocco è come una famiglia e io ne ho fatto parte con grande orgoglio di astigiana.

 Al Palio ho sfilato  indossando i più bei costumi bianco verdi che mi dicevano per farmi un complimento si abbinavano benissimo ai miei capelli biondi. In questi ultimi anni difficili mia figlia Michela che è medico mi ha aiutata curandomi e rimanendo sempre al mio fianco.

Ora sono altrove ma quando entrerete per un caffé cercatemi, io ci sarò nel vostro cuore. 

 

Francesco Teotino

6 febbraio 1953. 15 agosto 2017

Addetto al Pronto soccorso  e motociclista 

 

Il mio nome è Francesco, ma tutti mi chiamano con il cognome: Teotino. La mia famiglia è numerosa tra fratelli e sorelle siamo in cinque: tutto quello che ho imparato dei valori della vita lo devo a due magnifici genitori che sono arrivati ad Asti dalla Calabria.

Il mio modo di essere non è monotono, ma un mare irrequieto, 

sempre in movimento … a chi mi dice fermati io senza indugio dico che ho voluto vivere.

Ho lavorato da operaio, poi mi hanno preso all’ospedale come ausiliario al Pronto soccorso. Se prima mi conoscevano ora ero diventato universale, soprattutto per il mio particolare modo di fare, sempre gentile e cordiale. Mi dicevano che sembravo un giullare… la mia arte è lo scherzo e così tengo alto il morale.

Con i miei colleghi siamo stati uno squadrone. L’amicizia per me è un valore da coltivare.

Fra tutte le mie passioni due le voglio ricordare; il calcio e le moto…

Già la moto mi è stata fatale.

Ma nonostante tutto  mi ha fatto piacere che al mio funerale anziché piangere i miei amici mi abbiano salutato con un accompagnamento musicale speciale: il rombo dei loro motori … “sgasati” al massimo … una sinfonia per le mie orecchie, penso che anche Paganini in quel giorno avrebbe potuto dirigere l’orchestra della Harley Davidson e mi poteva dire “Teotino questo concertino non è male, vale più di un violino”.

Compare Teo vi saluta … 

ci ritroveremo un giorno. 

Qui intanto il Motomondiale si segue benissimo.

Enzo Barolo

1 marzo 1937 – 27 agosto 2017 

Fotografo

 

Adesso ho trovato dimora nella terra del cimitero di Rocca d’Arazzo. Io non ho mai amato gli sfarzi e questo è un bel posticino dove penso che mi troverò bene. 

Ho amato molte cose nella mia vita, le novità in particolare e soprattutto la meccanica, i motori, la musica e la fotografia. Quest’ultima si è poi tramutata nel mio lavoro e l’ho praticata professionalmente negli Anni ’70 e ’80 del secolo scorso, fino a quando l’alluvione del 1994 mi portò via tutto l’archivio dalla mia abitazione di Asti in Recinto San Rocco, ed è per questo che mi sono trasferito sulla collina di Rocca d’Arazzo a prova di Giudizio Universale. Della fotografia mi piaceva tutto, ma mi sono specializzato in uno dei campi più difficili: la fotografia industriale e pubblicitaria che sviluppavo e stampavo personalmente per avere il controllo totale dell’immagine.  

Asti è una città piuttosto avara nell’apprezzare le cose fatte bene, ma non ho mai voluto scendere a facili compromessi. 

Non ho voluto che nessuno sapesse quello che mi è successo, e nell’ultimo tragitto c’erano solo poche persone care e gli amici fotografi che più mi erano stretti e con cui abbiamo fatto, negli anni, tanti bei discorsi. Va bene così. 

 

Nuovo Splendor

1913-2017

Sala cinematografica 

 

Non ho mai avuto paura del buio. Anzi era al buio che ha funzionato la mia magia. Però quando ho capito che le miei luci non si sarebbero più accese e che alla bacheca in corso Alfieri, all’angolo di via Vassallo, non ci sarebbero più stati manifesti mi è venuto un po’ di magone.

D’accordo, non sono mai diventato famoso come il Nuovo Cinema Paradiso raccontato da Tornatore, ma nel mio piccolo spero di rimanere nel cuore di tanti astigiani.

La mia data ufficiale di nascita è il 1913, ho vissuto più di un secolo e quante ne ho viste o quante ne ho fatte vedere. C’era ancora il muto e tutto era in bianconero, poi vennero i telefoni bianchi e le camicie divennero nere. Passò la guerra e riconoscevo i figli di chi sulle mie poltrone si era dato il primo bacio furtivo; arrivavano con papà a vedere Maciste e c’era chi si commuoveva per Bambi.

Con Totò invece non c’era pericolo: le risate salivano più alte della nuvola di fumo bucata dal fascio azzurrognolo del proiettore. Da più di cinquant’anni un bel signore che aveva vissuto in Francia e amava i film con Jean Gabin mi aveva rimesso a nuovo. E dopo di lui sua moglie Ivana, con la cassiera Pinuccia e il gatto Silvestro.    

Venne il tempo che nel mio buio le luci si fecero rosse. Quanti sospiri rubati lassù in galleria. 

Quel surrogato d’amore non può vincere la solitudine.

Poi venne Christine, la figlia di Lorenzo e Ivana. Il cinema è stata la sua casa. Ci ha creduto. Nuove pellicole: il Titanic che resta in cartellone per più di due mesi e le rassegne dei film d’autore con gente come Armando Brignolo dalla passione cinefila contagiosa. 

Ogni volta che la città aveva bisogno io ho aperto il mio salone: 252 posti, mica pochi. 

Mi dicevano che da altre parti c’erano poltrone più comode e anche i popcorn. Noi abbiamo tenuto finché si è potuto. Christine e Maurizio davanti al mio schermo si sono perfino sposati.

Ora questo buio non mi piace.  Quando si riaccenderanno le luci chissà che cosa sarò diventato. Chiudete gli occhi, riapriteli e saprete.

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Latest posts by La Redazione di Astigiani (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Ottobre-novembre-dicembre 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE