venerdì 3 Febbraio, 2023
HomeSe ci pensoIn piazza San Secondo suonano il fox trot
Se ci penso

In piazza San Secondo suonano il fox trot

Una passeggiata e un sogno che potrebbero diventare realtà

Ho fatto un sogno.
Ho sognato che avevo deciso di lasciare la macchina in garage. Sarei sceso a piedi da Viatosto verso Asti centro. Avvolto da una fresca nebbiolina in conflitto con i primi raggi del sole, mi incamminai lungo la stradina in terra battuta che da casa mia sbuca sull’asfaltata, di fronte a Villa Carlotta. A passo felpato, per non svegliare i cani… se mi avessero notato, avrebbero sofferto troppo nel vedermi andare in giro, senza di loro. Tenevo d’occhio il fosso per vedere se fossero spuntati i mughetti.
«Questa passeggiatina dovrei farla tutti i giorni…» pensavo. «In fondo son poi solo 4 km… quanto basta per tenere a bada gli zuccheri nel sangue…». Indosso scarpe adatte e parlo con loro: «Fra poco lasciamo lo sterrato e guadagniamo l’asfalto, sarà un po’ meno pittoresco, ma molto più comodo, vi sembrerà di volare!». Villa Carlotta è silente, sonnecchia ancora.

Ancora pochi metri e i setter del dr. Arnaud mi avrebbero salutato con il loro festoso abbaio… ci conosciamo, son cacciatore anch’io! Più avanti avrei dato un’occhiata al vigneto sperimentale con annessa casupola con torretta, quindi avrei fatto finta di non vedere certi obbrobrii architettonici e sarei passato davanti al basso fabbricato, già officina-atelier del compianto sig. Scassa, storico menuisier, fabbro e brocante. La lentezza e la spensieratezza del mio passo sono inversamente proporzionali alla frenesia del traffico che scorre sotto il cavalcavia della TO-PC. Lo supero e svolto a destra verso l’Ospedale, lungo il campetto sportivo retro Stadio, e mi chiedo: «Perché mai lo hanno recintato con quella paratia verde scuro? era così bello stare a guardare i giocatori!» Poi mi ritrovo giù da corso Dante.

L’incontro con i vecchi tigli è pur sempre gradevole. Son lì da più di cent’anni… e qualcuno li voleva abbattere! Supero la rotonda di piazza Vittorio Veneto e scendo dalla parte del Boschetto, buttando l’occhio nel cortile della “Dante“,già “Arnaldo Mussolini” (il suo busto troneggiava su una colonna di pietra in cima alla scalinata). (Ora che ci penso qualche “limonata “ dietro a quella colonna l’ho fatta anch’io, di sera, sempre che la postazione non fosse già occupata da una coppietta giunta in loco prima di me!).

Costeggio l’ex Sferisterio, dove d’estate c’era il cinema all’aperto e il ring per gli incontri di catch con il mitico Fusero (peso massimo). In via Morelli ci abitava la prof. Salvadore, familiarmente detta la “Geppa”. Mi dava ripetizioni di latino. San Silvestro, piazza Medici… riesco a udire, proveniente da piazza San Secondo, un suono di musiche d’antan: valzer, fox trot, tanghi, slow e slow–fox… È una colonna sonora soffusa e sognante, che pervade un accogliente ballo a palchetto installato nel bel mezzo della piazza. E, dentro, c’è tanta gente che danza, spensieratamente. Ma sì, ci sono proprio tutti, li riconosco: gli Ercole, gli Stevano, il comm. Faletti con Linda, i Pronzato, i Pugno, i Moglia, i De Benedetti, gli Stella, i Griffa, i Grosso, gli Olivati, i Pasetti, Poncini, Dario Occhiena, Gigi Corosu, Biura, Del Puy, Giorgio Mathis detto “lo schiavo“, i Caratti, gli Zunino, i Visconti, i Marchia, le sorelle Grasso, Bici e Bauci, Cantino, le sorelle Brezzi, gli Scialuga, gli Obermitto, Ninetta Gazzelli, Donato Montalcini, i Montalcini, i Goria, i Bonfanti, gli Oddone, Monticone, le prof. Jona, Cavagnero, Guasco, Blua, Sattanino, i Currado…
La musica è svanita e con lei il sogno. Mi sveglio sorridendo, canticchiando Dancing in the dark!

 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Latest posts by Giorgio Conte (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE