venerdì 1 Marzo, 2024
HomeSenza categoriaI colori di Tremlett accendono la chiesetta tra i filari del moscato
Spazio ritrovato

I colori di Tremlett accendono la chiesetta tra i filari del moscato

L’intervento dell’artista inglese «per restare in silenzio davanti al bello»

Silvano Stella, assessore alla cultura di Coazzolo, è il finanziatore dell’intervento che all’inizio dell’estate ha trasformato la chiesetta della Madonna del Carmine: “più che uno spazio ritrovato, è uno spazio nato a nuova vita” Semplice edificio di inizio Settecento posto fuori dal concentrico, nella panoramicissima località Gallo, immersa tra le vigne di moscato, ora si presenta con le pareti esterne accese dai colori di David Tremlett. L’artista non è nuovo al Sud del Piemonte: è lui infatti uno dei due artisti che nel 1997 aveva decorato di sgargianti tonalità la cappella di La Morra. Per Coazzolo la scelta è caduta su tinte più in sintonia con l’ambiente circostante: metà campanile dipinto terra di Siena, verde oliva sacrestia e basamento, giallo il porticato. L’inaugurazione è avvenuta a giugno, dopo due anni di studi, valutazioni, passaggi burocratici e il lavoro vero e proprio.

Fino a poco tempo fa, era tutt’altro che frequentata dai flussi turistici. Defilata dalle traiettorie che portano dalle grandi cantine del Sud Astigiano ai luoghi della cultura, era però rimasta nella geografia della religione per la gente del luogo, che ne aveva riempito le pareti interne con ex voto per grazia ricevuta. Grandinate, temporali, siccità, incidenti durante il lavoro in campagna ricorrono spesso nelle vicende evocate da queste testimonianze di fede che nel tempo la Madonna del Carmine ha raccolto. Benché vissuto, l’edificio dal punto di vista artistico non offriva grandi spunti di interesse se non per l’originale portico che anticipa la facciata. Le notizie storiche sulla chiesetta scarseggiano. Ad esempio non è rimasta traccia precisa dell’anno cui risale il rifacimento del tetto. Quello originale era stato sostituito con una copertura a botte, ricoperta da un qualche tipo di bitume, verosimilmente in un’epoca in cui le prescrizioni della soprintendenza erano ancora di là da venire. Dettagli di un aspetto modesto che ormai è un ricordo. 

«L’ispirazione per quest’opera – spiega Stella – nasce da un concetto semplice: siamo in un periodo di scontri muscolari, prevalgono le escalation di violenza. Quindi solo la cultura può essere un valido contrappeso. Credo che il risultato sia un bello stimolo estetico, che ha il pregio di non utilizzare la parola, spesso fonte di malintesi. Di fronte alla chiesa sei costretto ad attivare altre sensazioni.»

L’artista inglese David Tremlett

 

A differenza del caso di La Morra, la Madonna del Carmine non era un edificio abbandonato. La chiesa fa parte della parrocchia di Coazzolo ed è tuttora consacrata e gestita dalla diocesi di Alba. Durante alcune festività dell’anno liturgico si celebra la messa, cui partecipano fedeli legati alla memoria storica del luogo. Nonostante questo, non era al centro di particolari flussi turistici, anche se negli anni scorsi era stato portato a termine un primo intervento per valorizzarne la fruibilità. I primi tre filari di vite che guardano verso le Alpi sono stati rimossi, in modo da aprire un balcone naturale da cui poter godere lo straordinario panorama.

«L’edificio attuale è stato riedificato sulle fondamenta di un’altra chiesa, il che lo connota come un luogo dalla forte spiritualità. 

Si percepisce la presenza di un genius loci – assicura Stella – e anche questo ha convinto l’artista a procedere con l’intervento.» Certamente l’esperienza di La Morra è stata di stimolo per l’installazione di Coazzolo. Nella terra del Barolo l’intervento era stato un dialogo con Lewitt, scomparso dieci anni fa, il quale si era occupato degli esterni. Tra i vigneti di Moscato, Tremlett ha lavorato da solo sui 300 metri quadri di superfici esterne. «A Coazzolo siamo solo io e le Langhe», ha dichiarato alla stampa specializzata, raccontando che prima di immaginare l’opera ha trascorso un periodo a parlare con i contadini, a seguire il loro lavoro e a mangiare con loro.

«I lavori sono durati un mese circa, a partire da settembre 2016. In quel periodo ricorda Stella la gente di Coazzolo portava al cantiere qualcosa da mangiare, ne è nata una bella relazione con Tremlett e con chi era impegnato nel cantiere. 

Già in quella fase l’installazione ha sortito un effetto positivo: quest’opera palesemente inutile, ma altrettanto bella, ha scardinato preconcetti e convinto tutti che si può parlare anche di cose non monetizzabili. È la dimostrazione che quando ci si concentra su qualcosa di bello, tutti ne rimangono affascinati e coinvolti.» 

Dopo il primo sopralluogo e un lungo confronto con la Soprintendenza, Tremlett è tornato in patria per realizzare in studio centinaia di disegni geometrici che poi hanno trovato posto sulle pareti della chiesa. 

È stato necessario sperimentare, rispetto alla classica tecnica adoperata da Tremlett, il cosiddetto “wall drawing” (disegnare sui muri). La maggior parte delle sue opere è destinata a finire cancellata con la chiusura dell’installazione artistica; in questo caso, ha usato calce e colori acrilici in modo da riprodurre efficacemente l’effetto della pittura con i polpastrelli. Tonalità e materiali rispondono ai principi su cui si basa tutta la produzione dell’artista: tutto dev’essere in equilibrio con la natura.

«La chiesa non era in buone condizioni, in particolare gli intonaci erano quasi del tutto scrostati. L’intervento li ha recuperati, poi il cantiere ha interessato le fondamenta e c’è stato anche un notevole lavoro per assicurare un drenaggio efficiente. 

Non abbiamo fornito indicazioni a Tremlett, e per fortuna la Soprintendenza non ha stravolto i suoi progetti.

Un’esperienza da scultore, esponente della neoavanguardia inglese,è oggi uno degli artisti più conosciuti e apprezzati per i suoi wall drawing. 

Nel 2012 ne ha realizzato uno monumentale sulle pareti della Tate Britain, museo che a Londra raccoglie le collezioni dei maestri storici. Per Tremlett il nostro Paese è un luogo d’elezione, dichiara ammirazione sconfinata per i maestri del Rinascimento. 

Ora anche lui è un po’ più italiano: il giorno dell’inaugurazione della Madonna del Carmine, ha ricevuto la cittadinanza onoraria dal sindaco Fabio Carosso per l’impegno profuso nella valorizzazione del territorio.

Il nuovo aspetto della Madonna del Carmine a Coazzolo

Sarà un luogo per l’incontro di diverse arti

 

La Madonna del Carmine è ora liberamente visitabile, e nei weekend sono in tanti i turisti che salgono fin quassù a scoprire l’intervento e godersi il panorama. 

E, all’indomani dell’inaugurazione, l’opera aveva già fatto parlare di sé conquistando la prima pagina della cultura sul Corriere e la rivista Art tribune. Coazzolo ritrova così uno spazio di contemplazione, che si affianca alla panchina gigante di Chris Bangle inaugurata lo scorso agosto. Ma nel lungo periodo, l’obiettivo è quello di fare della chiesetta trasformata da Tremlett uno spazio di incontro. 

«Inviteremo artisti di ambiti diversi, dalla musica alla pittura, per far parlare le arti in un luogo che vogliamo diventi scenografia. Sempre lasciando in secondo piano la parola e il chiacchiericcio.» 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Latest posts by Enrico Panirossi (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

I proverbi anticipano le previsioni del tempo

L’attesa della primavera nel folclore meteorologico monferrino¹   «Smenmi d’ Mars, smenmi d’Avrì, fin c’al fassa caod peus nen avn컲: Seminami di marzo, seminami di aprile,...

La collina di Spoon River – Giugno 2017

Vito Walter Sollazzo 22 agosto 1945-10 marzo 2017 Sindacalista e allenatore di calcio Ho sempre amato il gioco di squadra. L’ho praticato per tutta la vita, nella...

Secondo trimestre 2017

3 aprile Inaugurato a Nizza Monferrato l’hospice che accoglie i malati terminali del reparto di oncologia del Cardinal Massaia. A disposizione dei pazienti una...

La collina di Spoon River – Dicembre 2016

Angelo Franco 11 agosto 1929 - 16 settembre 2016 Autotrasportatore Ero uno dei Cugini Franco. Avevamo deciso di chiamarci così con mio cugino Giacomo quando aprimmo la...

Sul calendario

8 settembre L’ambasciata di Israele assegna il riconoscimento di Giusti fra le nazioni alla memoria di Eugenia e Pietro Gilardi. Coppia di contadini di...

Il monumento in bronzo dedicato alle 5 storiche divisioni

L’alpino di piazza Libertà, nell’aiuola di fronte la Mercato coperto, è da più di 40 anni muto testimone della vita della città. È stato...

La collina di Spoon River – Maggio 2016

Andreina Jodice Napoli, 27 dicembre 1935 - Asti, 2 gennaio 2016 Insegnante di Lettere Sono nata a Napoli, ma la mia famiglia, ed io al seguito, era...

Pino Morino, l’inventore del terzo tempo

Discobolo nazionale e “missionario” del pallone elastico

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE