mercoledì 22 Maggio, 2024
HomeArteIl muto di Toleto “parla” con i colori nel segno della fede
Un quadro una storia

Il muto di Toleto “parla” con i colori nel segno della fede

Pietro Ivaldi con il fratello Tommaso protagonisti dell’arte dell’Ottocento

Narra Silvio Pellico ne “Le mie prigioni”: 

«…partii verso le tre pomeridiane. Avea per compagni di viaggio una signora, un negoziante, un incisore e due giovani pittori, uno de’ quali era sordomuto. Questi pittori venivano da Roma e mi fece piacere l’intendere che conoscessero la famiglia di Maroncelli».

Quei due giovani pittori erano Pietro e Tommaso Ivaldi, nativi di Toleto, frazione di Ponzone, in provincia di Alessandria, da Anna Maria e Giovanni Ivaldi, che abitarono in Asti intorno al 1853 (i Musei Civici di Asti custodiscono il Ritratto di Antonino Faà di Bruno, post 1829). I due fratelli si trasferirono poi ad Acqui Terme, dove Pietro morì il 16 settembre 1885. Il necrologio pubblicato sulla “Gazzetta di Acqui” sintetizza la personalità di Pietro, sordomuto dall’infanzia :…avendo mostrato una grande inclinazione alla pittura, fu mandato a studiare dapprima all’Accademia Albertina e poi a Roma, a Venezia ed a Firenze. Dagli studi fatti ricavò buonissimi frutti: ne sono testimoni gli affreschi bellissimi da lui eseguiti non solo in alcune chiese della nostra città o del circondario, ma anche di altre città del Piemonte come Asti, Casale, Cuneo, Torino e della Liguria quali Savona e Genova. Si recò pure a dipingere in Francia… 

Pietro Maria Ivaldi (1810 – 1885) detto Il muto di Toleto, Madonna con Bambino e Anime Purganti, 1857, affresco, Chiesa dei S.S. Vittore e Corona, Incisa Scapaccino (Asti)

 

Il giovane Pietro intuisce la potenzialità espressiva dell’arte per superare la difficoltà di relazione con gli altri, per comunicare la complessità emotiva del proprio animo: disegno e pittura sostituiscono la parola. Il tacito linguaggio dei segni esprime la profondità della sua visione del mondo. Aveva frequentato le scuole per sordomuti fondate da G.B. Assarotti a inizio Ottocento, in Liguria e Piemonte. L’approfondimento dell’iconografia sacra rinascimentale consolida nella composizione di Pietro la struttura tecnica dell’affresco devozionale, costruito su solidi canoni architettonici e naturalistici, alimentato da un sottile ritmo gestuale, ricco di forza e naturalezza visiva, in cui fede e preghiera si fondono con la quotidianità della vita terrena. Di particolare intensità sono gli autoritratti di Pietro e Tommaso, cesellati in basso a destra, nell’affresco della Chiesa parrocchiale SS. Vittore e Corona a Borgo Madonna di Incisa Scapaccino, eseguito nel 1857 con il consueto concertato di cartoni preparatori, dedicati al motivo dei dannati avvolti dalle fiamme o anime espianti in ascesa verso la Beata Vergine con Bambino, tra angeli dalle grandi ali e ariosi panneggi.

Le braccia incrociate sul petto, a significare “amore”, mani giunte verso l’alto a simboleggiare “chiesa”, evidenziano la simbiosi creativa di Pietro con il fratello Tommaso, che lo ha sempre assistito nei contratti con prelati e aristocratici che apprezzavano le loro fatiche pittoriche per modicità di costo e rapidità di esecuzione. Alla mostra “Arte sacra. Opere da collezioni pubbliche e private” (aprile-giugno 2017), promossa in Asti dalla Fondazione Eugenio Guglielminetti, seguirà nell’autunno 2017 il convegno “La pittura di Pietro Ivaldi”, in collaborazione con Palazzo Mazzetti e Fondazione CRA, a opera del Centro Studi Pietro Ivaldi di Ponzone, con studiosi delle Università di Torino e di Genova.

 

Pietro Maria Ivaldi (1810 – 1885) detto Il muto di Toleto, Madonna con Bambino e Anime Purganti, 1857, affresco, Chiesa dei S.S. Vittore e Corona, Incisa Scapaccino (Asti)

 

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Ottobre-novembre-dicembre 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

La collina di Spoon River – Marzo 2017

Paolo De Benedetti 23 dicembre 1927 – 11 dicembre 2016 Teologo, docente universitario Ho trascorso la vita a studiare la natura di Dio. Ora lo vedrò in...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE