venerdì 19 Aprile, 2024
HomeCosi per sportDue vite passate tra l’area di rigore e il mare
Così per Sport

Due vite passate tra l’area di rigore e il mare

Pandolfi: dai campi di calcio alla pescheria. In prestito all’Asti dalla Juve nel 1968

Da più di trent’anni è titolare di una pescheria ad Asti, in corso Dante. La sua seconda vita. La prima, Mario Pandolfi l’ha spesa da calciatore professionista, calpestando campi in mezza Italia, da Potenza ad Asti, da Torre Annunziata ad Ancona, Vigevano, Alessandria, Tortona, Savona. Ha conosciuto la serie B e tutti i gironi della C, e infine i terreni della provincia piemontese. In serie A non ha mai esordito, anche se nella seconda metà degli anni Sessanta era fra i giovani più promettenti del vivaio juventino.«Ci arrivai da Porto Recanati, dove sono nato. A 16 anni giocavo in Promozione nella Recanatese e un amico mi portò a Torino per un provino con i bianconeri. Mi schierarono centravanti in una partitella con i titolari. Mezze ali erano Del Sol e Sivori. Allenatore Heriberto Herrera, un paraguaiano dal fisico e dal modo di fare asciutto che per me avrebbe poi dimostrato una certa simpatia. Mi presero e partecipai a diversi tornei con la squadra giovanile. Tra i miei compagni in quell’équipe che si aggiudicò, fra l’altro, il torneo di Viareggio, già allora uno degli appuntamenti più importanti nel settore giovanile, c’erano Causio, Bettega, Viganò, Furino». Tutta gente che avrebbe poi fatto una gran carriera in prima squadra. Lui nella massima serie non ci giocato per un niente, per una serie di circostanze sfortunate: scelte sbagliate, infortuni, allenatori che non capirono questo ragazzo dai piedi buoni, dalla corsa felpata e dal carattere forse un po’ fragile. «Bisogna incontrare le persone giuste al momento giusto. A me non è capitato. Ma non mi lamento. Ho giocato a calcio fino a quarant’anni, mi sono divertito e mi sono tolto tante soddisfazioni».

Campionato 69 -70. La rosa bianconera In piedi: Salvadore, Morini, Roveta, Castano, Anzolin, Tancredi, Pandolfi, Haller, Favalli, Zigoni Accosciati: Leoncini, Del Sol, Furino, Anastasi, Leonardi, Vieri, Rinero (assenti Marchetti e Piloni)

Ad Asti ci era arrivato in prestito nella stagione 1968-69. Appena promossa, la Macobi di Bruno Cavallo si era fusa con l’Asti e disputava la serie C, confrontandosi con squadre dal ricco blasone: Udinese, Triestina, Alessandria, Pro Patria. C’erano fior di giocatori – Marmo, Chiaranda, Avere, Moriggia, Zanelli -, lui segnò nove gol ma non bastarono. L’Asti, dopo ripetuti cambi di allenatore,  retrocesse. Mario però ad Asti aveva trovato la donna della vita: Meri, da cui ha avuto due figli, Luca ed Elisa, con cui condivide la casa di Rocca d’Arazzo, dove vive ancora oggi, dopo che la moglie è scomparsa, vittima di una grave malattia, pochi mesi fa. Torniamo al calcio. Chiusa la stagione astigiana, Pandolfi torna a Torino, dove è aggregato alla prima squadra nel ritiro precampionato. Ci sono Anastasi, Salvadore (anche lui si trasferì e visse poi ad Asti facendo l’allevatore di bestiame), Castano, Zigoni, Haller. Lui è poco più di un ragazzino e «a quel tempo il clima per i giovani nelle grandi squadre era più o meno quello delle reclute nelle caserme. Ci facevano portare le borse e pulire le scarpe. Io fui sistemato in camera con Helmut Haller, il fuoriclasse tedesco appena arrivato dal Bologna. Per un mese non mi salutò neppure. Finché una sera, prima di dormire, mi fece assaggiare il bicchierone di Coca-cola e whisky che si concedeva ogni sera. Un gesto di accoglienza». Allenatore di quella Juve era l’argentino Luis Carniglia, reduce da Real Madrid, Fiorentina, Roma. Ma era mal sopportato dai “senatori” della squadra, che di fatto ne decretarono la sostituzione con Ercole Rabitti, promosso dalle giovanili. Avrebbe potuto essere il momento di Pandolfi, che proprio nelle giovanili aveva conosciuto Rabitti. Ma Mario era stato ceduto in prestito al Potenza, una squadra di C con grandi ambizioni che però avrebbe fallito la scalata alla B. Tornato a fine campionato a Torino, Pandolfi fu oggetto di uno scambio tra la società bianconera, che aveva ingaggiato come allenatore Armando Picchi, e il Livorno, allora in B. Nella città toscana comincia il suo periodo più nero. L’allenatore non lo ama, patisce un grave infortunio e la società finanziariamente è in pessime acque, tanto che l’anno dopo fallirà. La stazione successiva è Castellamare di Stabia: altro fallimento e lui, pagato con assegni scoperti, ci rimetterà pure l’ingaggio. Ma non demorde. Riscatta il proprio cartellino e riprende il suo girovagare, che si fermerà solo ad Alba, quasi vent’anni dopo. Nella capitale delle Langhe comincia anche la sua carriera di allenatore che proseguirà ad Asti con l’Astisport e il Don Bosco.

Mario Pandolfi nella sua pescheria di corso Dante

Ma il richiamo dell’Adriatico alla fine ha la meglio. Il fratello Carlo è pescatore (oltre che gestore di uno stabilimento balneare) e gli fornisce materia prima di ottima qualità per il negozio che nel frattempo ha deciso di aprire ad Asti. Lui stesso, d’estate, quando chiude il negozio per mancanza di pescato fresco (in Adriatico c’è il fermo), torna a casa e si dedica alla piccola pesca lungo la sua costa. «Il pesce è l’unica cosa di cui so qualcosa. Per passione e storia di famiglia. Per  questo, finito il calcio, mi è sembrata la strada giusta da percorrere». Gli amanti del pesce vero lo ringraziano. La sua clientela astigiana sa che da lui non troverà mai prodotto men che freschissimo o d’allevamento. Si fida ciecamente di lui, tanto che la maggior parte delle vendite le fa per telefono (con gran stupore dei colleghi che incontra al mercato di Genova). Sa che per avere buon pesce in tavola a mezzogiorno occorre svegliarsi presto. Del resto Mario dà l’esempio. Lui alle due di notte è gia al volante del suo furgone, in rotta verso il mare, a scegliere il meglio del pescato della notte. «Ce n’è sempre di meno ed è sempre più prezioso, ma chi viene da me conosce la qualità ed è disposto a pagarla il giusto». E nella sua bottega, con uguale passione, si discute di triglie, branzini, campionati e calci di rigore. 

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

La collina di Spoon River – Marzo 2017

Paolo De Benedetti 23 dicembre 1927 – 11 dicembre 2016 Teologo, docente universitario Ho trascorso la vita a studiare la natura di Dio. Ora lo vedrò in...

Secondo e terzo trimestre 2016

2016 - 13 maggio Riapre dopo vent’anni Palazzo Alfieri. Dopo annosi lavori di ristrutturazione, la dimora del Trageda è nuovamente visitabile con un percorso...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE