mercoledì 7 Dicembre, 2022
HomeLo scaffaleUN ASTIGIANO TRA MAZZINI E GARIBALDI
LO SCAFFALE

UN ASTIGIANO TRA MAZZINI E GARIBALDI

LE IDEE DELL’AVVOCATO VITTORIO NEGRO
CI SONO LIBRI CHE MERITANO DI TROVARE SPAZIO NELLE BIBLIOTECA DEI LETTORI PIÙ ATTENTI ALLA STORIA E AL TERRITORIO. QUESTA RUBRICA “LO SCAFFALE” SEGNALERÀ OPERE DI FRESCA, RECENTE O PIÙ ANTICA PUBBLICAZIONE, LONTANE DA MODE LETTERARIE O FENOMENI EDITORIALI DEL MOMENTO, CON LA CERTEZZA CHE UN BUON LIBRO, SIA ESSO UN ROMANZO, UNA TESTIMONIANZA, UN SAGGIO, NON TEME IL TEMPO.

Negro Vittorio fu Secondo avvocato di anni 52 statura alta corporatura regolare capelli neri barba nera colorito naturale. Era amico personale di Mazzini e ne segue ora la dottrina. Molto accorto e anche insinuante.
Così viene descritto l’avvocato Negro, nato a Valleandona nel 1825, in una comunicazione della sottoprefettura di Asti alla Prefettura di Alessandria sulle persone “pericolose” (1877) e conservata all’Archivio di Stato di Alessandria. Un ritratto che non rende giustizia alla complessità del personaggio che è possibile ritrovare nel volume, Umanità e giustizia eternamente progressive. L’avvocato astigiano Vittorio Negro e l’Arbitrato internazionale a cura di Ezio Claudio Pia, (Quaderno del Platano n. 18, Asti, 2011), contenente una serie di saggi sul “repubblicanesimo astigiano”. In esso è contenuto uno scritto di Vittorio Negro dal titolo ad un tempo sfuggente, ambizioso e polemico: Bismarck, il Papa, l’Europa dinastica e l’arbitrato internazionale per l’Avv. Vittorio Negro, pubblicato ad Asti nel 1882. L’Avvocato Negro è definito “buono, di una terra, gli abitanti della quale, congiungono al patriottismo uno spirito singolarmente pratico, di una città che fu la culla dell’Alfieri” nientemeno che da Giuseppe Mazzini (lettera del 4 ottobre 1866), e da quest’ultimo viene persuaso (pur mantenendo accenni di critica) dell’«imponente fatto del progresso, lento ma continuo, che le idee e i principii di libertà economica e politica vanno (…) diffondendosi nella coscienza e nella educazione dei popoli europei». Vittorio Negro sostenne anche le imprese di Garibaldi che gli inviò la propria effigie con dedica in segno di riconoscenza. Nel saggio che propone l’istituzione di una Costituente internazionale e di un codice di legge pubblica internazionale come strumento centralizzato per la risoluzione delle controversie emerge con forza lo spirito antidinastico: le dinastie infatti «non ebbero, non hanno e non potranno mai avere patria», mentre «solo i popoli hanno e sanno di avere una patria». Gli stessi popoli, tuttavia, dovrebbero sentire il bisogno «di sapersi e conoscersi fratelli» per (e qui l’analogia con la situazione contemporanea è evidente) «scongiurare (…) le terribili conseguenze dell’attuale situazione Europea».

L’AUTRICE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE