giovedì 8 Dicembre, 2022
HomeNovecento e altroRitardi, treni scomodi e vini mal presentati è l’Expo… del 1906
Ricorrenze

Ritardi, treni scomodi e vini mal presentati è l’Expo… del 1906

Anche 109 anni fa l’esposizione internazionale si tenne a Milano. I commenti non lusinghieri dal giornale astigiano "Il Cittadino"

I riflettori sono accesi sui padiglioni di Expo 2015 e pochi ricordano che anche 109 anni fa l’Esposizione Universale si tenne a Milano. Non a Rho, ma alle spalle del Castello Sforzesco, dove nel 1923 sarebbe poi stata edificata l’area della Fiera. Nella primavera del 1906, centinaia di operai lavorarono sodo fino all’ultimo per completare i padiglioni ed erigere gli edifici che per oltre sei mesi avrebbero ospitato l’Esposizione Universale. Per la prima volta l’Italia, dopo gli esordi di Londra del 1851 e poi Vienna, New York, Philadelphia, Chicago, Parigi (nel 1889, che vide sorgere la Torre Eiffel) ospitò la maggiore vetrina mondiale delle innovazioni tecnologiche. Ritardi e incognite non mancarono neppure in quella circostanza, e caratterizzarono anche la vigilia dell’Esposizione di 109 anni fa. Per celebrare l’apertura del traforo ferroviario del Sempione, tra Italia e Svizzera, inaugurato nel febbraio del 1905, il tema scelto fu quello dei trasporti. D’altra parte il Novecento stava consegnando all’umanità un mondo dove le distanze si accorciavano sempre più: le automobili sfioravano già i 100 chilometri l’ora, il Flyer dei fratelli Wright volava già da tre anni e i tunnel per i treni bucavano le Alpi per collegare le capitali d’Europa. Alla fine, non senza qualche affanno, la prima Expo di Milano venne inaugurata il 28 aprile del 1906 («La città era tutta festa, fu finalmente sorrisa dal sole», raccontano le cronache dell’epoca), e si chiuse l’11 novembre. L’immagine simbolo dell’esposizione, realizzata dall’artista e illustratore triestino Leopoldo Metlicovitz, sin dai manifesti magnificava l’apertura del traforo ferroviario del Sempione, di cui il parco manterrà il nome, dopo la manifestazione. Parteciparono 40 Nazioni. I visitatori superarono la cifra record di cinque milioni. I padiglioni era costruiti in pietra bianca, vetro e ferro: un trionfo dell’architettura liberty.  Non tutto andò per il verso giusto: l’Expo del 1906 fu segnata dal grave incendio che il 3 agosto distrusse parte della sezione dedicata alle arti. In 40 giorni, le strutture vennero riedificate e re Vittorio Emanuele III tornò per una nuova inaugurazione. Dalle cronache dell’epoca, emergono alcune delle difficoltà organizzative che paiono essere tornate anche in vista dell’appuntamento del 2015. Una su tutte, i ritardi nell’allestimento dei padiglioni: «Il Comitato rivolge a tutti quanti gli espositori indistintamente la più viva e pressante raccomandazione di consegnare immediatamente gli oggetti da esporre», si leggeva sul bisettimanale astigiano Il Cittadino, nell’aprile del 1906, pochi giorni prima dell’inaugurazione. «Più di 250 000 mq. di area coperta non attendono che gli espositori. Su questi soltanto e non sul Comitato, ricadrà la responsabilità di ogni eventuale ritardo nell’ordinamento della mostra».  Altra magagna vecchia di cent’anni, i trasporti. Un paradosso, dato il tema scelto dall’Esposizione Universale. L’argomento ad Asti fa discutere: «Gli astigiani mentre sono serviti dalla ferrovia per andare a Torino, Genova, Roma, quando devono invece portarsi a Milano, città alla quale sono legati da molti affari, sono obbligati a pensarci due volte».

L’articolo pubblicato dal Cittadino nel maggio 1906 è di un’attualità sconfortante. «Vi si arriva, sì, ma non bisogna aver fretta – proseguiva il bisettimanale astigiano. Infatti partendo da Asti col treno delle 6 per la linea di Alessandria si giunge a Milano alle ore 12. E cosi si impiega la bellezza di sei ore per percorrere Km. 120 circa ed egual tempo, ed anche più, si impiega se si passa per Casale e Mortara ecc. ». Quest’ultima linea ora è stata soppressa, mentre passando da Alessandria, oggi, i tempi di percorrenza scendono di poco sotto le due ore, salvo i ritardi sempre possibili.  «L’Amministrazione ferroviaria obbietterà; ma se gli astigiani hanno premura di arrivare a Milano passino per Torino o per Tortona, ed in questo caso è facile la risposta, ma la significante differenza di spesa chi la paga? […] Bisognerebbe che, la amministrazione ferroviaria, compresa dei nostri bisogni, stabilisse un direttino […] per la linea Asti-Casale-Mortara ecc. Non c’è commerciante di Asti che non capisca la necessità di questo direttino dunque pensino essi, d’accordo col nostro Municipio, a far le pratiche per ottenerne l’istituzione».

Il parco aerostatico all’Expo milanese del secolo scorso

Già allora si chiedeva un collegamento con un treno “direttino” tra Asti e Milano

 

Oggi un “direttino” da Asti a Milano c’è; uno solo, alle 6.45. Un po’ poco, forse, per una rivendicazione vecchia di oltre un secolo. E una volta arrivati nel capoluogo lombardo? Qui gli astigiani avrebbero trovato un porto sicuro grazie all’associazione Famiglia Piemontese, «la quale – scriveva Il Cittadino a maggio – da otto anni, riunisce i piemontesi a Milano e ha deliberato di mettere a disposizione i suoi locali, via San Pietro all’Orto 10, a tutti i piemontesi che si recheranno a Milano, durante la prossima Esposizione Internazionale». Una sorta di ufficio d’accoglienza che offriva informazioni, consigli, «indicazioni d’alloggi e quanto altro potesse giovare durante il soggiorno a Milano». In alternativa, il giornale suggeriva soggiorni all’Hotel Eden, Palazzo Aliprandi, per tariffe che variavano dalle 10 alle 15 lire, «con facoltà di far colazione e pranzo anche nei Ristoranti dell’Esposizione». Destò curiosità il ristorante cinese con quattro cuochi definiti  “gialli” che cucinavano pinne di pescecane. Fu anche inaugurato il primo locale “a libero servizio” senza camerieri, cosa per allora stranissima.  Ad Asti si guardò con attenzione la sezione vini e spumanti che vedeva in mostra anche alcune delle storiche ditte piemontesi, ma non mancarono le critiche. È sempre Il Cittadino a riportare una  decisa stroncatura. «A parte il disordine della sezione enologica o le notizie incomplete sui vini spiegabili […] col risveglio all’ultim’ora dei nostri espositori, dal lato tecnico i vini italiani si sono presentati con alcuni difetti che è necessario siano risaputi. Anzitutto sono stati trovati troppo aspri non solo per eccesso di tannino, ma anche per mancanza di morbidezza. […] Fu rimproverato ancora a noi italiani la troppa fretta di mettere in bottiglia i vini tanto che si son trovati vini in leggera fermentazione nelle botti». Critiche anche per il gusto poco netto, l’eccesso di alcool, la scarsa limpidezza: «I vini, specialmente quelli che vanno alle Esposizioni, devono essere non solo limpidi, ma anche brillanti», sentenziava Il Cittadino. E pare di leggere le perplessità di oggi, non tanto sulla qualità dei vini, migliorata in generale, ma soprattutto sul modo di presentarli al padiglione Italia con incomprensibili mappe emozionali e freddi dispenser che non raccontano nulla della storia di ciascuna bottiglia. 

 

 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE