sabato 1 Ottobre, 2022
HomeUn tratto di storiaNel 1815 il “Borbo” devasta porta S. Rocco
UN TRATTO UNA STORIA

Nel 1815 il “Borbo” devasta porta S. Rocco

6 GIUGNO, LUNEDÌ 

A cagione della molta pioggia il Tanaro ha guastato le rive, massime prima di arrivare al Ponte nuovo; ma il Borbo gonfiando ha fatto assai più male, perché cresciuto da tutte le valli che mettono nel suo letto, strascinò fieni molti incontrati nei prati stati già tagliati, abbatté molti grani in modo che è impossibile potersi alzare, strascinò attrezzi di campagna che incontrava, e tra le altre cose strascinò fino un’aratro con tutta la sua ferramenta; guastò i due ponti vicino alla Città, ruppe le pianche che si erano già fatte e tanto si dilatò verso la Città alla sinistra della Porta di S. Secondo (attuale Via Roero/Via XX Settembre), che portò via quantità di terreno coltivato in orto, e se altra piena simile, o al più due ancora ne vengono come questa è cosa certa che si viene a pochi passi dal muro della Città.

Tanaro e Borbore e le mura di Asti. (Theatrum Statuum Sabaudiae Ducis1680, particolare)

OTTOBRE, LUNEDÌ 30 

Borbo allaga e abbatte ponte. A cagione della pioggia abbondante il Borbo non solamente allagò le campagne vicine, ma abbatté molti ponti, e tra gli altri quello di Villafranca, che è sulla grande strada di Torino, e i due ponti posticci vicino alla nostra Città, cioè degli Apostoli (attuale Viale Don Bianco) e di S. Rocco (attuale SACLA’), strascinò gran quantità di terreno degli orti vicino alla Città dalla Porta di S. Rocco verso il Tanaro, ed il casotto di uno di essi orti: e se accade ancora un paio di volte un’inondazione simile, è certo che Borbo viene contro le mura della Città, perché al presente non è più lontano di sette in dieci trabucchi dalle medesime.  

Dal Giornale d’Asti di Stefano Giuseppe Incisa, all’anno 1815

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Latest posts by Gianfranco Monaca (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Gli intensi anni astigiani di “Bicio” Fabrizio De Andrè in campagna durante la guerra....

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

La pacifica rivoluzione della maestra Lina

Nel 1911 arriva a dirigere l’asilo Ferrer Lina Borgo insegnante alessandrina, vedova con sei figli   Asti, aprile 1911. Nel nuovo quartiere operaio di corso Felice...

Asti si è lasciata sfuggire un gioiello d’arte: il teatrino dei Rissone acquisito da...

Giovanni Rissone nell’Ottocento recitava l’Alfieri a memoria   Genova, per noi che stiamo in fondo alla campagna», oltre che per il sole e il mare che...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE