venerdì 1 Marzo, 2024
HomeMemorie a tavolaI Crova di Nizza tra noblesse e zuppa mitunà
Memorie a tavola

I Crova di Nizza tra noblesse e zuppa mitunà

Quarant'anni di cucina custoditi in trentotto taccuini

Sono ritornati alla luce, ritrovati nell’antiquariato librario, 38 taccuini rilegati in cui sono consegnati i menù giornalieri della famiglia dei Crova, baroni di Vaglio e originari di Nizza Monferrato. Residenti a Torino, si dividevano tra il palazzo di Nizza, ora sede dell’enoteca regionale dedicata alla barbera e la villa di Salmour. La compilazione delle agende – ogni giorno, pranzo e cena, senza omettere il nome di eventuali invitati – è stata compiuta dai cuochi e dai padroni di casa in un arco di quarant’anni, dal 1888 al 1926, con la sola mancanza dell’anno 1896, andato probabilmente perduto. Questo impegno quotidiano si traduce, oggi, in un archivio di menù e di vivande di eccezionale importanza nel documentare consumi, riti e dieta di una famiglia aristocratica piemontese negli anni che segnano, in Italia, la codificazione di una cucina regionale nazionale.

Palazzo Crova a Nizza Monferrato
Palazzo Crova a Nizza Monferrato

E, paragonando i menù più antichi con quelli più recenti, permette di immaginare anche i mutamenti di status, da un’epoca di fasti verso la fine del secolo a tempi informali in cui la tavola dei Crova riflette semplicità e anche po’ declino, viste le troppe pastine in brodo e i vermicelli al burro. Fulgidi, invece, gli anni della Bella Epoque, con la famiglia grande, gli invitati di riguardo, le domeniche da festeggiare con tartufi (38 citazioni, tra settembre e dicembre del 1888), ricchi risotti, pernici, anitra brasé, fillé (filet) mignon, gattò, sambaione… Ma anche, nel menù feriale, barbabucchi, cavulfiur, fricandò e basuà (batsoà), caponetti e tallerini, lacetti e roladine, fugasse e sangraut (sancrao), a testimoniare il rapporto forte con le usanze piemontesi che dialogano con piatti e nomenclature francesi. E attenzione a non sprecare: si serve il consumé (consommé) quando si fa il lesso, ci si accontenta di uova al foiotto e insalata per una colazione sobria, ci si riscalda la sera con una zuppa mitonà (o mittuné: le grafie sono varie). Non sappiamo come la preparassero i cuochi dei Crova e, trattandosi di un piatto di recupero, occorre mettere in conto più varianti.

La ricetta della zuppa mitunà
Le schede

GLI AUTORI DELL’ARTICOLO

Latest posts by Paola Gho e Giovanni Ruffa (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

I proverbi anticipano le previsioni del tempo

L’attesa della primavera nel folclore meteorologico monferrino¹   «Smenmi d’ Mars, smenmi d’Avrì, fin c’al fassa caod peus nen avn컲: Seminami di marzo, seminami di aprile,...

La collina di Spoon River – Giugno 2017

Vito Walter Sollazzo 22 agosto 1945-10 marzo 2017 Sindacalista e allenatore di calcio Ho sempre amato il gioco di squadra. L’ho praticato per tutta la vita, nella...

Secondo trimestre 2017

3 aprile Inaugurato a Nizza Monferrato l’hospice che accoglie i malati terminali del reparto di oncologia del Cardinal Massaia. A disposizione dei pazienti una...

La collina di Spoon River – Dicembre 2016

Angelo Franco 11 agosto 1929 - 16 settembre 2016 Autotrasportatore Ero uno dei Cugini Franco. Avevamo deciso di chiamarci così con mio cugino Giacomo quando aprimmo la...

Sul calendario

8 settembre L’ambasciata di Israele assegna il riconoscimento di Giusti fra le nazioni alla memoria di Eugenia e Pietro Gilardi. Coppia di contadini di...

Il monumento in bronzo dedicato alle 5 storiche divisioni

L’alpino di piazza Libertà, nell’aiuola di fronte la Mercato coperto, è da più di 40 anni muto testimone della vita della città. È stato...

La collina di Spoon River – Maggio 2016

Andreina Jodice Napoli, 27 dicembre 1935 - Asti, 2 gennaio 2016 Insegnante di Lettere Sono nata a Napoli, ma la mia famiglia, ed io al seguito, era...

Pino Morino, l’inventore del terzo tempo

Discobolo nazionale e “missionario” del pallone elastico

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE