sabato 3 Dicembre, 2022
HomeInsegne senza ruggineNel centro storico nascono ancora vermouth e chinati
INSEGNE SENZA RUGGINE

Nel centro storico nascono ancora vermouth e chinati

Mauro Vergano produce settemila bottiglie nel “magico” e nascosto laboratorio di Via Brofferio.

Un messale. È il primo pensiero quando nella mani di Mauro Vergano appare quel piccolo taccuino nero. Lo tiene con la punta delle dita, con quel rispetto che si ha per gli oggetti preziosi. Ha lo stile raffinato di un’agendina Moleskine. Le pagine ingiallite, fitte di una bella, antica calligrafia. Molte, col tempo, si sono staccate. Più di un secolo fa, ancora immersi nell’800, la punta di un pennino correva lì sopra tracciando numeri e parole. Non è un libro liturgico, bensì un promemoria di esperimenti e di curiosi miscugli a base di erbe e segreti. Più volte dovette stare in qualche taschino della giacca di Giulio Cocchi, colui che è considerato il “padre” del vermouth piemontese. Mauro lo ha ereditato da Mario Cocchi, un suo zio acquisito. Sposò zia Leonina, sorella di suo papà. Era il figlio di Giulio, e con i due fratelli Federico e Rino, dirigeva la Cocchi, fabbrica di vermouth e chinati. Lo stabilimento era in via Sant’Evasio, poi si allargò in via Malta. «Qualche volta zio Mario mi portava con lui in ditta, io ero felicissimo e risento ancora oggi quel profumo intenso e pungente di erbe». Mauro era ancora un bambino, ma zio Cocchi riuscì a trasmettergli tutta la sua passione per quel mestiere. Il quadernetto nero di appunti e ricette non fu dunque l’unica eredità.

Fu nell’anno in cui morì zio Mario, il 1978, che Mauro cominciò i suoi esperimenti d’alchimia.

Mauro Vergano al lavoro nel suo laboratorio di Via Brofferio

All’inizio erano pochi litri di chinato destinati perlopiù agli amici, poi l’attività crebbe. Oggi sono 7000 bottiglie della Chinati Vergano. Non c’è un’insegna all’ingresso di quel portone al numero 106 di via Brofferio. L’invito è a usare la fantasia e a provare a immaginarla quell’insegna non foss’altro perché è l’ultima cantina vinicola di Asti città, dopo che i fratelli Bava hanno acquistato la Cocchi e trasferito la sede a Cocconato. Dal 2003 il laboratorio occupa il luogo di quella che fino al 1805 fu una chiesa, distrutta in seguito all’occupazione napoleonica, e prima ancora un convento fondato, leggenda vuole, direttamente da San Francesco quando all’inizio del 1200 passò da Asti diretto in Francia. In tempi più recenti, a inizio 900, quei locali ospitarono una fabbrica di fiammiferi, che è ancora nella memoria di alcuni astigiani. Così come la bottega del fabbro Borello, che arrivò nell’ex chiesa subito dopo. Oggi Mauro Vergano respira quella storia e ne scrive, a modo suo, altre pagine. Una laurea in chimica, 62 anni e tanti progetti. Non rinnega i suoi 15 anni da chimico in una fabbrica di Cavaglià. Anzi: «Mi è servita tantissimo: lavoravo di naso, come si dice, e oggi ho solo cambiato aromi». Vive circondato da ampolle, pipette, filtri, serbatoi di alluminio, sacchi di erbe aromatiche, un piccolo torchio rosso e il buon odore di sapienti intrugli. Ama giocare e sorprendere. Apre i barattoli e invita a indovinare le erbe dall’odore. Ce ne sono più di quaranta nella sua officina di via Brofferio: dalla più familiare salvia sclarea che al naso ricorda il profumo di Moscato alla più insolita radice di galanga che arriva dalla Cina o alla cascarilla, una preziosa corteccia del Centro America dal sapore piccante. E poi, la radice di valeriana, le scorze di chinotto, l’achillea, l’assenzio, il cardamomo, i fiori di genzianella, la menta, l’origano di Creta, il rabarbaro e tante altre, senza dimenticare la china. Un armadio che è uno scrigno di profumi, che farebbe la felicità di Jean-Baptiste Grenouille, lo straordinario uomo del XVII secolo che è il protagonista del romanzo Il profumo, dello scrittore tedesco Patrick Süskind. «Colui che domina i profumi domina il cuore degli uomini» è la sua ferma convinzione e certo nel laboratorio di Mauro avrebbe tante occasioni per esercitare il suo olfatto, per costruire la prodigiosa memoria olfattiva che lo caratterizza e lo rende una sorta di superuomo dal fiuto eccezionale.

qqMauro, dal canto suo, è un “mago Merlino” con uno spirito molto astigiano che dosa e trasforma Grignolino e Moscato, Nebbiolo e Cortese, le uve base dei suoi cinque “figli”: il primo fu il Chinato rosso, poi il “Lulì”, un chinato bianco, il Vermouth “VB”, l’Elisir di china e infine, ma non ultimo, l’Americano, fiore all’occhiello dell’azienda, che rappresenta quasi metà delle bottiglie prodotte. Tutti elisir profumati che hanno conquistato il cuore degli americani, così tanto che non molti mesi fa la giornalista Alice Feiring, nella sua rubrica sul New York Times, ha chiamato in causa Mauro come esperto numero uno al mondo di vermouth e affini. «Merito di Gianluigi e Alessandra Bera, vignaioli di Canelli – ricorda Vergano – che, nel 2007, sono stati i primi ambasciatori delle mie etichette a New York. Non mi sarei mai sognato di andare a vendere fino in America». Ispirate nel disegno dall’amico Bruno Vergano, conosciuto avvocato di Asti scomparso qualche anno fa, da sua figlia Sara e dal pittore Gianni Buoso, le etichette dei Chinati Vergano partono dal cortile del Torronificio Barbero, «gentile vicino di casa che ospita i bancali per mancanza di spazio», e vengono bevute in Inghilterra, Francia, Olanda. Ora cominciano a interessare anche il Giappone. Non sarà difficile scovare una foto con il critico gastronomico Giorgio Grigliatti e lo chef Ferran Adrià, che brindano con una bottiglia di Americano Vergano. «Vendo all’estero più dell’80 per cento delle mie bottiglie – dice Mauro – ma ci sono ristoratori e osti di Asti e Torino che vengono a comprarle direttamente qui.

Vendo con il passaparola: io non mi sono mai mosso di qui e non faccio pubblicità». Rispetto ai tempi di “nonno” Giulio Cocchi e del suo piccolo taccuino nero, oggi tante erbe sono proibite. Mauro ha ritoccato le ricette, ma un insegnamento è rimasto:

«Al fondo di ogni pagina scriveva: “concia a palato”.

Ovvero una volta che hai seguito la ricetta, non fermarti: devi sempre assaggiare, sperimentare, trovare il giusto equilibrio». Che sia questo

il vero segreto del vermouth?

L’AUTRICE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE