venerdì 1 Marzo, 2024
HomeLa collina di Spoon RiverLa collina di Spoon River - Giugno 2015
La collina di Spoon River

La collina di Spoon River – Giugno 2015

Astigiani dedica queste pagine a chi è salito sulla collina della nostra Spoon River. Una manciata di parole. Alla loro memoria

Fiorino Chiusano

15 gennaio 1932 – 30 dicembre 2014

Sacerdote

Avevo venticinque anni quando mi hanno affidato la parrocchia di San Marzanotto. Lo ricordo, sono arrivato il giorno di San Marziano. Il Patrono deve avermi messo una mano sul capo, perché sono rimasto nella frazione per 47 anni. Ho sempre avuto l’abitudine di tenere nota delle messe che tenevo, così ora posso dire con certezza di averne celebrate 31606. Ma non ho detto messa solo a San Marzanotto: ero stato rettore a Belangero, e prima ancora a Corsione. Negli anni Cinquanta sono stato viceparroco a Isola San Pietro e a Castell’Alfero, a San Pietro in Asti, a San Martino di Villanova. Mi piaceva scrivere. Sulle pagine dell’Amico, il bollettino della nostra parrocchia, raccontavo quello che succedeva nella frazione. Lo spedivamo anche a chi non viveva più qui, a chi era partito per andare altrove. Ora la penna l’hanno presa in mano i miei parrocchiani, la storia non si ferma.

 

Giovanni Bragotti

22 ottobre 1932 – 15 aprile 2015

Volontario della Croce Verde

Ho vissuto a San Rocco e per il mio borgo ho portato più volte il vessillo del Palio, ma la bandiera che più è stata tra le mie mani è quella della Croce Verde. Alla crùs verda ho dedicato tutta la mia vita, con più di sessant’anni di volontariato, di giorno e anche di notte, aiutando malati e chi aveva bisogno. Per me la Croce Verde è stata una famiglia e l’ho anche rappresentata in tante feste. A me era affidata la bandiera per i festeggiamenti dei cinquant’anni di fondazione, nel 1959, e l’avrei portata alle celebrazioni del centenario, ma stavo già poco bene. Non avevo più la forza di quando lavoravo alla Waya o di quando recitavo come soldato di Erode nel Gelindo, accanto ai miei amici Pastrone e Perosino. Per la ”Croce Verde” ero pronto a tutto e quella bandiera continuerà a farmi sventolare.

 

Angelo Sonvico

11 maggio 1934 -22 aprile 2015

Produttore di vino

La passione per il vino mi aveva portato da Milano a Nizza Monferrato dove, alla Cascina Barbatella, con Giuliano Noè ho prodotto Barbera, Cabernet Sauvignon, Cortese. La Vigna dell’Angelo, la Vigna di Sonvico e il Noè erano buoni vini. Ottimi, secondo alcuni, che spesso li hanno premiati. Ma soprattutto sono contento che abbiano dato piacere a chi li amava perché questo è, secondo me, lo scopo del vino. Per questo alla Barbatella le porte erano sempre aperte a chi ci veniva a passare una serata in compagnia. Le ricordo tutte, le bevute e le risate, ora che sono qui dall’altra parte. Dove ho ritrovato il mio amico Tullio, con cui ci vediamo spesso. Beviamo un bicchiere e chiacchieriamo dei vecchi tempi.

 

Francesco Guglielminetti

10 settembre 1929 – 26 aprile 2015

Campione di motociclismo

Per tutti ero il Chicchi. In famiglia credo che a mio fratello Eugenio siano passati i geni di mamma Ugolina, tutti tesi alla conoscenza e alla pratica dell’arte, e a me siano invece toccati quelli, tutto ardimento e sfida alla velocità, di papà Domenico. Due gocce d’acqua, a vederli insieme, lui ed Eugenio, ma la sua temeraria passione per le motociclette è passata a me. Davvero fantastico il dopoguerra. A diciotto anni ho cominciato a vincere un po’ dappertutto con la Gilera 500. Nel ‘49 io e Giovanni (Perosino) eravamo gli spauracchi di tutti i circuiti dell’alta Italia. Poi lui ha smesso e ha cominciato a vendere macchine e io invece ho continuato con la Norton. Ero un po’ matto e chi c’era ricorderà probabilmente ancora il folle duello con Bandirola al circuito di San Secondo del ‘55. Potevo diventare un grandissimo? Forse, ma dopo il titolo italiano della 500 ho preferito cambiare numero di ruote. Da due a quattro: alla Ferrari a progettare e sperimentare gli alettoni e tante altre diavolerie tecniche. Però vorrei essere per tutti ancora quello che andava da Asti a Torino in moto in ventisette minuti, passando magari dal Pino. Bello, no?

 

Maurizio Carlini

15 agosto 1956-6 maggio 2015

Operaio

Ho morso la vita e la vita mi ha morso. Dietro la mia faccia da duro, una gran voglia di amicizia e di tenerezza. Di famiglia arrivavamo da Ferrara, dalla pianura del Po alle colline del Tanaro. Ho vissuto tra le case del borgo Tanaro. La vita operaia, il teatro militante, l’impegno politico. Ho conosciuto la polvere dei cementifici e la nebbia delle levatacce, ma anche il sapore di una birra bevuta in compagnia in notti d’estate che non ti viene sonno e resti a chiacchierare e non importa se non hai nemmeno troppo da dire, basta esserci. E non importa se devi andare al lavoro all’alba. Poi una malattia bastarda mi ha ghermito e come una ragnatela mi ha impedito ogni movimento. Dal mio letto ho continuato a vedere la vita degli altri scorrere in televisione. Ho sognato chiudendo gli occhi e un giorno di primavera non li ho più riaperti.

 

Amos Raviola

29 luglio1923 – 21 maggio 2015

Tornitore alla Maina, per 50 anni si è occupato dell’orologio di Migliandolo

Il destino mi ha fatto nascere a Migliandolo, in quella casa sotto il Bric Tunìn su cui si trova l’edificio delle scuole elementari con la torretta dell’orologio visibile da tutto il paese. Gli uomini subiscono il tempo che passa, non riescono a fermarlo: per questo hanno sempre cercato nuovi sistemi per misurarlo, dalle clessidre alle meridiane, con l’illusione di “addomesticarlo” gestendolo attraverso le lancette o i rintocchi di una pendola. Io ho cominciato a frugare con le mie mani da tornitore tra gli ingranaggi degli sviarìn e poi delle mustre che mi portavano a riparare. Mi piaceva pensare che questo eterno padrone delle nostre vite fosse costretto a passare attraverso le rotelline che io mettevo a punto. E poi, per cinquant’anni, ho accudito il vecchio orologio delle scuole, signore dei ritmi della quotidianità di un’intera comunità ancora capace di regolarsi sul sole, ma ormai abituata a cercare conferma guardando verso la torretta sul bricco. Mi sentivo custode del tempo, il mio e quello degli altri, ma per fortuna non ho mai avuto l’ossessione del tempo: ho cercato soprattutto di spenderlo bene, vivendo.

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

I proverbi anticipano le previsioni del tempo

L’attesa della primavera nel folclore meteorologico monferrino¹   «Smenmi d’ Mars, smenmi d’Avrì, fin c’al fassa caod peus nen avn컲: Seminami di marzo, seminami di aprile,...

La collina di Spoon River – Giugno 2017

Vito Walter Sollazzo 22 agosto 1945-10 marzo 2017 Sindacalista e allenatore di calcio Ho sempre amato il gioco di squadra. L’ho praticato per tutta la vita, nella...

Secondo trimestre 2017

3 aprile Inaugurato a Nizza Monferrato l’hospice che accoglie i malati terminali del reparto di oncologia del Cardinal Massaia. A disposizione dei pazienti una...

La collina di Spoon River – Dicembre 2016

Angelo Franco 11 agosto 1929 - 16 settembre 2016 Autotrasportatore Ero uno dei Cugini Franco. Avevamo deciso di chiamarci così con mio cugino Giacomo quando aprimmo la...

Sul calendario

8 settembre L’ambasciata di Israele assegna il riconoscimento di Giusti fra le nazioni alla memoria di Eugenia e Pietro Gilardi. Coppia di contadini di...

Il monumento in bronzo dedicato alle 5 storiche divisioni

L’alpino di piazza Libertà, nell’aiuola di fronte la Mercato coperto, è da più di 40 anni muto testimone della vita della città. È stato...

La collina di Spoon River – Maggio 2016

Andreina Jodice Napoli, 27 dicembre 1935 - Asti, 2 gennaio 2016 Insegnante di Lettere Sono nata a Napoli, ma la mia famiglia, ed io al seguito, era...

Pino Morino, l’inventore del terzo tempo

Discobolo nazionale e “missionario” del pallone elastico

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE