venerdì 2 Dicembre, 2022
HomeAlbum di famigliaGli angeli del fango
ALBUM DI FAMIGLIA

Gli angeli del fango

L’acqua non si era ancora ritirata che un’altra onda invadeva la città e i paesi colpiti. Era l’onda benigna dei volontari, un esercito di persone che fin dalle prime ore del disastro decise di rimboccarsi le maniche. Astigiani ma non solo, con la divisa o meno: tutti contribuirono al sollievo di chi era stato sfollato o a liberare le strade, le cantine e i cortili da fango e rifiuti. Lo strumento per eccellenza era la pala, ma a tanti di loro bastarono braccia e gambe per smistare generi di prima necessità da distribuire agli sfollati. Fu un momento di straordinaria solidarietà, a testimoniarlo rimangono immagini dotate di un’intensa carica emotiva. Il ritratto di un momento della nostra storia dal quale ci risollevammo unendo le forze, spesso spalla a spalla con sconosciuti ed estranei.

Dall’esperienza del 1994 è nata l’associazione Volontari della Protezione Civile

 

L’associazione Volontari di Protezione Civile Città di Asti nasce nel giugno 1995, dall’iniziativa di un gruppo di cittadini “reduci” dall’alluvione del 1994 e si affianca alle altre realtà della Protezione Civile che operano sul territorio. Beppe Manina, uno dei fondatori dell’associazione ricorda: “Abbiamo voluto costituire una Onlus; siamo stati riconosciuti tali con decreto regionale nel 1995 e nel 2001 abbiamo ottenuto l’iscrizione nel registro delle associazioni di volontariato al dipartimento della protezione civile nazionale”. I volontari hanno iniziato l’attività di monitoraggio dei fiumi.

Il fango non nasconde i sorrisi

Nel 1996 è iniziata la collaborazione con le scuole rivolta alla sicurezza e alle prove di evacuazione degli edifici scolastici. Nel 1997 con una squadra di volontari è stato allestito un campo per circa 300 terremotati nel comune di Colfiorito in seguito al sisma che ha colpito Marche e Umbria. Nel 1999 gli astigiani andarono con la Missione Arcobaleno, in Albania, impegnati nella gestione di un campo di profughi dalla guerra in Kosovo preparando pasti per 600 sfollati. Nel Duemila parteciparono alle operazioni di soccorso in seguito all’alluvione a Villanova Monferrato (Alessandria). Dal 2005 il gruppo partecipa a “Puliamo il mondo”, d’intesa con Legambiente per la pulizia lungo le sponde del Tanaro.

In gruppo si lavora meglio

Nel 2009 si è intervenuti nel comune di Castelvecchio Subequo, in seguito al terremoto dell’Aquila. Oggi l’associazione ha come presidente Oscar Ferraris, e comprende 44 soci. Del consiglio direttivo fanno parte: Davide Canavero vicepresidente, Andrea Torchio tesoriere, Cristina Boano segretario e tre consiglieri. 

 

 

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE