sabato 23 Settembre, 2023
HomeUn quadro una storiaPittori allo specchio
Un quadro una Storia

Pittori allo specchio

Alla scoperta dell'arte astigiana. Quel ritratto del giovane Manzone

Prima dell’inaugurazione del rinato Museo del Risorgimento in Palazzo Ottolenghi nello scorso maggio 2012, molti astigiani non attribuivano rilievo alla personalità del pittore Paolo Arri (Asti 1868- 1939), autore del ciclo dei ritratti “Grandi Italiani del Risorgimento” commissionati dal mecenate conte Leonetto Ottolenghi, in occasione dell’allestimento del “Salone del Risorgimento” per l’Esposizione Astigiana del 1898 (Foro Boario di Piazza Alfieri), nell’ambito delle celebrazioni per il Cinquantenario dello Statuto Albertino.

Acuto osservatore, Arri tratteggia con efficacia i personaggi storici (da Camillo Benso Conte di Cavour a Giuseppe Garibaldi ad Angelo Brofferio…), particolareggiandone gli abiti e gli elementi decorativi. Ciascun ritratto, al di là della testimonianza storica, denota le abilità espressive, acquisite dal primo maestro Michelangelo Pittatore, in virtù del cui lascito Arri frequenta l’Accademia Albertina di Torino, sotto la guida di Pier Celestino Gilardi.

Paolo Arri, Ritratto di Giuseppe Manzone ventenne, olio su tela, cm. 70 x 54, firmato e datato in basso a sinistra “P. Arri 1908”, Asti, Pinacoteca Civica, inventario n. 578. Per gentile concessione Musei Civici, Asti.

 

La crescente diffusione della fotografia, fin dalla prima metà dell’Ottocento, sollecita i cultori del ritratto ad affinare il linguaggio pittorico: i neri e gli argenti della lastra suggeriscono inedite potenzialità di rilievo plastico e chiaroscurale sulla tela, per esaltare la costruzione dei piani del volto, la vibrazione emotiva dello sguardo. L’utilizzo della fotografia diviene inoltre necessaria qualora manchino modelli reali o si ritraggano personalità del passato, tuttavia la tendenza francese naturalista e la cultura figurativa del realismo europeo, dopo la proclamazione dell’Unità d’Italia, affluiscono a Roma, a Firenze e, attraverso i pittori “del vero” ed i macchiaioli toscani e romani, influenzano la provincia e le generazioni più giovani.

Il nitido Ritratto di Giuseppe Manzone ventenne chiarisce le modalità compositive dell’epoca: la pennellata persegue una visione sintetica del soggetto, costruito con impasto fluido e brillante, fedele alla “verità” dell’osservazione. Segno e colore concorrono alla mobilità delle superfici ed all’individuazione dei tratti somatici del giovane allievo Giuseppe Manzone: lo schema costruttivo dei piani e delle luci guida l’occhio dello spettatore dalla chioma ricciuta alla vivacità dello sguardo, al lucido fiocco nero, all’inclinazione assiale del pennello tra le dita. Pare un taglio fotografico, ma il gioco obliquo dei contrasti si ricompone nell’armonia tonale di abiti e sfondo. La perizia esecutiva di Paolo Arri, è frutto di un costante e minuzioso esercizio quotidiano, maturato in decenni di attività. Il dipinto fu donato al Museo Civico dalla Cassa di Risparmio di Asti, in seguito ad una mostra tenutasi nel novembre 1932, e si accosta all’Autoritratto dell’artista quarantenne (1908), che la vedova Adele Rustichelli nel 1946 donò al Municipio di Asti, affinchè il marito pittore, scomparso infermo nell’indigenza, fosse ricordato dalla sua città.

L’AUTRICE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Quelle olive nel canestro fecero scoprire Asti al mondo del basket

I ricordi di un inviato speciale al seguito di quei matti della Saclà   Olivolì Olivolà… Oliva Saclà! .  Quando arrivava alla tv l’ora di Carosello, poco...

La collina di Spoon River – Settembre 2014

Battista “Pepe” Bianco 8 dicembre 1925-20 giugno 2014 Partigiano, presidente dell’Anpi Nel 1943 avevo diciott’anni ed ero apprendista alle officine Maina: pensavo al lavoro, non ero uno...

Generazioni di donne a confronto, tutte in cerca di emozioni

È una storia tutta al femminile quella scritta da Mariagrazia Pia, autrice di Come una nuvola (Leone editore). Tutto ruota intorno al personaggio di...

Saranno famosi 3 (o quasi)

Indovinelli: 1 | Ciclo ecclesiastico 2 | Sorrido alla vita 3 | Noi le zucche le suonavamo 4 | Dalla banana alla vite 5 | Pronti al lancio 6 |...

Il tenente di Faletti al Festival di Sanremo

Faletti, quando il suo tenente arrivò al Festival di Sanremo con grande successo di pubblico e di critica musicale.

Giuseppe Nosenzo

Giuseppe Nosenzo ha novantun anni. Il “commendatore” ha percorso un itinerario speciale, ricco di orgoglio, di intraprendenza e intuizioni.

L’astigiano sotto le bombe 224 allarmi aerei, 77 vittime, 168 feriti, danni notevolissimi

Il primo allarme ad Asti risuonò il 15 giugno 1940 Tre giorni dopo l’attacco aereo a Torino che aveva causato 15 vittime   È la notte tra...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE