mercoledì 7 Dicembre, 2022
HomeUn quadro una storiaPITTORI ALLO SPECCHIO
UN QUADRO UNA STORIA

PITTORI ALLO SPECCHIO

ALLA SCOPERTA DELL’ARTE ASTIGIANA. IL RITRATTO DEL GIOVANE MANZONE.

Prima dell’inaugurazione del rinato Museo del Risorgimento in Palazzo Ottolenghi nello scorso maggio 2012, molti astigiani non attribuivano rilievo alla personalità del pittore Paolo Arri (Asti 1868- 1939), autore del ciclo dei ritratti “Grandi Italiani del Risorgimento” commissionati dal mecenate conte Leonetto Ottolenghi, in occasione dell’allestimento del “Salone del Risorgimento” per l’Esposizione Astigiana del 1898 (Foro Boario di Piazza Alfieri), nell’ambito delle celebrazioni per il Cinquantenario dello Statuto Albertino.
Acuto osservatore, Arri tratteggia con efficacia i personaggi storici (da Camillo Benso Conte di Cavour a Giuseppe Garibaldi ad Angelo Brofferio…), particolareggiandone gli abiti e gli elementi decorativi. Ciascun ritratto, al di là della testimonianza storica, denota le abilità espressive, acquisite dal primo maestro Michelangelo Pittatore, in virtù del cui lascito Arri frequenta l’Accademia Albertina di Torino, sotto la guida di Pier Celestino Gilardi. La crescente diffusione della fotografia, fin dalla prima metà dell’Ottocento, sollecita i cultori del ritratto ad affinare il linguaggio pittorico: i neri e gli argenti della lastra suggeriscono inedite potenzialità di rilievo plastico e chiaroscurale sulla tela, per esaltare la costruzione dei piani del volto, la vibrazione emotiva dello sguardo. L’utilizzo della fotografia diviene inoltre necessaria qualora manchino modelli reali o si ritraggano personalità del passato, tuttavia la tendenza francese naturalista e la cultura figurativa del realismo europeo, dopo la proclamazione dell’Unità d’Italia, affluiscono a Roma, a Firenze e, attraverso i pittori “del vero” ed i macchiaioli toscani e romani, influenzano la provincia e le generazioni più giovani. Il nitido Ritratto di Giuseppe Manzone ventenne chiarisce le modalità compositive dell’epoca: la pennellata persegue una visione sintetica del soggetto, costruito con impasto fluido e brillante, fedele alla “verità” dell’osservazione. Segno e colore concorrono alla mobilità delle superfici ed all’individuazione dei tratti somatici del giovane allievo Giuseppe Manzone: lo schema costruttivo dei piani e delle luci guida l’occhio dello spettatore dalla chioma ricciuta alla vivacità dello sguardo, al lucido fiocco nero, all’inclinazione assiale del pennello tra le dita. Pare un taglio fotografico, ma il gioco obliquo dei contrasti si ricompone nell’armonia tonale di abiti e sfondo. La perizia esecutiva di Paolo Arri, è frutto di un costante e minuzioso esercizio quotidiano, maturato in decenni di attività. Il dipinto fu donato al Museo Civico dalla Cassa di Risparmio di Asti, in seguito ad una mostra tenutasi nel novembre 1932, e si accosta all’Autoritratto dell’artista quarantenne (1908), che la vedova Adele Rustichelli nel 1946 donò al Municipio di Asti, affinchè il marito pittore, scomparso infermo nell’indigenza, fosse ricordato dalla sua città.

L’AUTRICE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE