giovedì 8 Dicembre, 2022
HomePersonaggiFrancesco Benzi
1930

Francesco Benzi

Da sessant’anni con la toga. Lo studio fotografico del padre Giulio. Sul palcoscenico a recitare Alfieri
La sua vita non è fatta di istantanee, ma di foto preparate e scattate con cura, come fece a quella sposa contadina proprio nel giorno in cui avrebbe dovuto festeggiare la laurea. Figlio di un grande fotografo della “scuola astigiana”, quel Giulio Benzi che scattò la storica immagine del piazzale della Way Assauto colma di operai e operaie, Francesco è passato dalla camera oscura alle aule dei tribunali. Oggi a 85 anni, che compirà il 28 giugno, è il decano dell’ordine degli avvocati di Asti: sessant’anni con la toga, passati a trattare piccole e grandi cause. Una vita intensa con una parentesi amministrativa come sindaco di un paesino dell’acquese e gli amori di sempre: la storia, il teatro, la vita di Vittorio Alfieri che considera un vecchio amico.

Sulla scrivania del suo studio al Michelerio ha La vita di Vittorio Alfieri: «Un ottimo compagno di viaggio». In una bacheca ecco un libro di sonetti con firma autografa di Angelo Brofferio e una raccolta di editti e pandette del 1625. Nella libreria accanto alla porta l’intero “digesto” giuridico, da consultare quando leggi, codici, giurisprudenza non erano ancora a portata di un clic sul computer. Francesco Benzi, leva del 1930, è avvocato da sessant’anni. È il decano per iscrizione dell’Ordine forense ad Asti. Veste la toga dall’11 luglio 1955. Due anni prima, nel 1953, si era laureato in Giurisprudenza a Genova: 110 e lode con una tesi sull’imposta di registro. «Quel giorno, il 16 luglio, faceva caldo e me lo ricordo bene perché, anziché festeggiare la laurea con gli amici, dovetti tornare in fretta ad Asti in treno a sostituire in studio mio padre che era indisposto e aveva preso un appuntamento con una coppia di sposi per la foto ricordo del matrimonio».

Una della rare immagini di Giulio Benzi, valente fotografo con studio in via Cavour (zona stazione) aperto nel 1905 e attivo per oltre 50 anni.
Francesco Benzi nel suo studio davanti al ritratto della mamma Anna Ravazzano dipinto da Eso Peluzzi, che era un amico di famiglia

Va detto che Giulio Benzi, il padre, era uno dei grandi fotografi della scuola astigiana, con studio aperto fin dal 1905 in zona stazione. È sua la storica foto delle maestranze della Way Assauto, in gran parte donne, schierate nel cortile della fabbrica, nel 1917 durante la Grande Guerra.

Una foto di gruppo con migliaia di persone, non facile da fare, eppure nitidissima e perfetta come luce. «Era esattamente il problema che avevo io in quel pomeriggio da neo laureato. Ricordo lo studio fotografico la scala a chiocciola per salirci e le vetrate che davano luce dal tetto. I soggetti erano due sposi contadini, accompagnati dal sindaco del loro paese. Gli uomini erano con il vestito buono della festa, la donna in un candido abito, tutto tulle e organza che però “sparava” sulla sua carnagione scura, cotta dal sole del lavoro dei campi. Nell’obiettivo quel viso si vedeva praticamente nero in contrasto con l’abito bianco che pareva fluorescente. Provai e riprovai, oscurando lo studio, mettendo filtri, facendo spostare gli sposi. Alla fine la foto venne. Andai in camera oscura e portai subito la prova a mio padre che era a casa a letto . “Passabile” fu la sentenza. Più faticoso che prendere la laurea».

 

E il suo destino era però di fare l’avvocato e non il fotografo «Mio padre che era gravemente ammalato morì dopo qualche tempo dalla mia laurea e nessuno dei fratelli decise di continuarne l’attività… Con Piercarlo, tre anni più di me, che si era già laureato in legge aprimmo uno studio in piazza Stazione, vicino a quello da fotografo che era stato di mio padre. Non avevamo neppure il telefono. Non c’erano tanti avvocati come adesso. Ci aiutarono anche alcuni colleghi. Dovevamo farci conoscere, prendevamo cause piccole e grandi e più di una volta i clienti ci pagavano come potevano. Non era raro portare a casa uova, galline, conigli come acconti sulla parcella. Da avvocato d’ufficio una volta difesi un tale accusato di furto. Andò bene, ma quello, uscendo dall’aula, fece finta di sbagliarsi e si prese il mio cappotto».

Benzi con pizzetto in campagna negli Anni Cinquanta
Con la moglie Silvana De Bernardi sposata nel 1958 della quale rimarrà vedovo nel 1984

Ma intanto si fece le ossa, tra una pretura e un tribunale. «Insegnavo anche diritto al Giobert. Allora c’erano molte preture attive una volta la settimana: da Moncalvo a Mombercelli. La città di Asti stava crescendo e noi prendemmo anche clienti importanti come la Banca Agraria Bruno, che non era ancora stata assorbita dalla Cassa di Risparmio».

 

Diventa anche sindaco di Montechiaro d’Acqui. Il paese dove andava in villeggiatura 

 

Verso i trent’anni mette su famiglia «Ero fidanzato, fin dai tempi del liceo, con Silvana. Ci sposammo nel ’58 e nel 1961 nacque Pia, due anni dopo Pier Paolo. I bambini crescevano e il pediatra Leone De Benedetti ci consigliò d’estate di far prendere loro un po’ d’aria buona, di “mezza montagna” come si diceva allora. Piero Damiano, pretore a Nizza, mi consigliò di girare le Langhe. Passammo qualche domenica a cercare finché non arrivai a Montechiaro d’Acqui. Un paesotto di poco più di 500 abitanti. Me ne innamorai. Mi piacquero il borgo antico e l’affabilità della gente. Affittammo una casa e l’anno dopo ne trovammo una da acquistare. Divenne il nostro buen retiro».

 

Già, però a non tutti capita di diventare sindaco del paese che si sceglie per la villeggiatura. «Mi convinsero dopo qualche anno. Formammo la lista civica con simbolo “La torre” e vincemmo le elezioni. È stata un’esperienza intensa. Avevo anche un’opposizione in Consiglio molto vivace che evidentemente pativa la presenza di un sindaco “foresto”’. Ho dovuto affrontare molti problemi concreti, tra i quali il parziale crollo dei resti del castello. Ho capito le difficoltà di chi deve amministrare per conto degli altri e già allora con pochi mezzi».

Con la figlia Pia, anche lei avvocato nello studio.
La storica foto delle maestranze della Way Assauto scattata da suo padre Giulio nel 1917

Studiare le carte e i processi e non fidarsi solo della bella arringa

 

Le è servito anche nelle professione quando ha difeso alcuni dei nomi eccellenti coinvolti nei vari filoni di quella che i giornali definirono “Tangent’Asti”.  «Gli inizi degli Anni ’90 fu una stagione di profondi cambiamenti, soffiò forte il vento di Mani Pulite, ma non mancarono alcuni eccessi giudiziari. Come avvocato ho sempre cercato di arrivare preparato al meglio ai processi, studiando le carte con meticolosità e non credendo di poter risolvere tutto con una bella arringa».

 

Una filosofia che ha trasmesso anche ai colleghi più giovani. «Ci ho provato, a cominciare da mia figlia Pia che è con me in studio e con i colleghi Marco Venturino, Anna Mattioli e Pierpaolo Berardi con i quali abbiamo creato uno studio associato, ormai da 15 anni».

 

Alle pareti di questo studio, dove lavora accanto alla sua storica segretaria Pinuccia Bosca, è un po’ racchiusa la storia di una vita.  «Quando i capelli vengono bianchi e la vigoria fisica si sente svanire, si può trovare forza nelle cose e nelle immagini del passato. Lo sguardo di Vittorio Alfieri mi segue e mi incoraggia. Mi pare di conoscerlo come un amico e sono orgoglioso di aver stilato lo statuto del Centro nazionale di studi a lui dedicato. Tra l’altro nel 1949 per le celebrazioni del bicentenario della nascita noi studenti recitammo alcune sue tragedie, ricordo che con me e Aris D’Anelli c’era anche Ileana Ghione, destinata a una splendida carriera di attrice»

 

Nella vita lei ha conosciuto anche momenti di intenso dolore. «Nel 1969 quando morì mio fratello Piercarlo a soli 42 anni e quando ho dovuto accompagnare al cimitero la mia Silvana era il 1984, per fortuna avevo accanto i figli».

 

Tra diplomi e attestati ci sono anche i ritratti di suo padre e sua madre. «Quello di papà è tratto da una delle sue rare foto, perché, come si dice… il ciabattino va con le scarpe rotte e papà Giulio fotografava tutto e tutti, ma non se stesso. Gran parte della sua attrezzatura l’ho donata ai Franco di Mombarone, purtroppo migliaia di foto, che erano in un baule a Montechiaro, mi sono state rubate… saranno finite sui mercatini come cimeli d’epoca. Il ritratto di mia mamma, è invece di Menzio che era un nostro amico di famiglia. Era una donna dolce e tenace. Ricordo le sue ansie quando da noi in studio, durante la guerra venivano a farsi il ritratto in divisa da mandare alle famiglie e alle fidanzate i soldati, in particolare i bersaglieri, destinati a finire in Russia. Chissà se torneranno, domandava a mio padre».

A quel tempo lei era un ragazzino «Ma ricordo bene le paure della guerra, gli sfollati, gli ebrei che si nascondevano e avevano bisogno di foto per i documenti falsi. Eravamo vicini alla stazione che era un obiettivo sensibile e dopo i bombardamenti di Asti andammo anche noi a vivere fuori città al Basinetto, verso corso Alba».

 

Lei il militare lo ha fatto? «No, la morte di mio padre mi fece saltare la naja come figlio di madre vedova. Mi piacciono però gli alpini  e sono stato contento di poter mettere il cappello con la penna all’adunata nazionale del 1995 ad Asti. Ora aspetto quella del prossimo anno, ancora qui da noi. Ci saranno tanti veci come me, ma, c’è da giurarci, non sarò io il più vecchio»

 

Alla soglia degli 85 anni che cosa vorrebbe ancora fare?  «Da buon nonno desidero vedere sistemati i nipoti e per me chiedo la possibilità di qualche bel viaggio, magari in Africa il continente che mi ha sempre affascinato. Mi accontento anche dell’Europa che ho girato in lungo e in largo, ma che ogni volta riserva sorprese, con la sorpresa più grossa di scoprire che alla fine ti prende una certa nostalgia di Asti capace di farti sempre tornare e di farti dire: questa è la mia terra».  

Le Schede

 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE