sabato 1 Ottobre, 2022
HomeSe ci pensoVoci astigiane tra le onde della guerra
SE CI PENSO

Voci astigiane tra le onde della guerra

Il diario del marinaio Giovanni Gotta passato di mano come testimone di memoria
La copertina e un disegno del fascicolo di Giovanni Gotta

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto scena muta quando qualche anno fa Domenico Amerio, un mio paziente, mi chiese se sapevo come mai ad Asti si contassero parecchi arruolati in Marina durante la seconda guerra mondiale. Allora lui si sfilò i tubicini dell’ossigeno, si assestò la cravatta che indossava ogni volta che il suo medico andava a visitarlo a casa e, mentre la moglie alzava gli occhi al cielo scrollando la testa, salì in mansarda e mi portò un fascicolo fatto a ciclostile e mi diede la spiegazione: «Ad Asti ci sono stati tanti marinai nella seconda guerra mondiale perché facevamo tutti i meccanici di precisione da Maina e alla Waya! Serviva gente che sapesse mettere mano agli ingranaggi e alle apparecchiature di una nave o di un sommergibile». Quel fascicoletto di una trentina di pagine formato A4 che Domenico Amerio, una vita passata a vendere e costruire macchine agricole, mi aveva prestato (anzi «imprestato») qualche settimana prima di dargliela vinta a quella insufficienza respiratoria che lo tormentava da vent’anni, quel fascicoletto, dicevo, mi aveva colpito prima nella forma e poi nel contenuto. È un documento intenso che racchiude la vita di un uomo e che vale come una straordinaria eredità. Un ciclostilato sobrio dove Giovanni Gotta, nato a Viarigi il 6 ottobre 1921, emigrato in Argentina, a Buenos Aires, rientrato in Italia il 10 settembre 1931, racconta la sua vita ad Asti, la sua guerra da marinaio sul “Giovanni dalle Bande Nere”, l’affondamento, il ritorno a casa. Sempre con precisi riferimenti, specie nelle note belliche, agli astigiani incontrati, alle loro vicende. In una sorta di premonizione all’arrivo a Genova nel 1931 a bordo del “Conte Verde” Giovanni (“Juancito” in argentino) racconta di aver visto ancorato in porto l’incrociatore “Giovanni dalle Bande Nere”, dove Gotta farà in tempo a essere imbarcato il 14 agosto 1941. In mezzo, tra il 1931 e il 1941, leggiamo della morte del padre già nell’inverno del 1931, della mamma che con una grossa valigia sulle spalle va a fare i mercati in provincia a vendere cotone, lana, foulard e fazzoletti, troviamo la sorella da svegliare-preparare-portare a scuola, gli studi in prima commerciale, le preghiere al tempio degli Evangelisti e, a quattordici anni, i 59 centesimi all’ora che era la paga di “apprendista meccanico” alle Officine Fratelli Maina. Sotto i capannoni della fabbrica Gotta conosce Domenico Amerio. Anche lui finirà arruolato nella Regia Marina, tra i sommergibilisti, con gli inseparabili amici Walter Fontana, meccanico di precisione sull’incrociatore “Trento”, e Giovanni Viarengo, figlio del purtuné di Caret, imbarcato anche lui sul “Giovanni dalle Bande Nere”. Il diario si sviluppa con precisione cronologica. La guerra procede e nel Mediterraneo per la Regia Marina come si dice “marca male”. Già i tre incrociatori gemelli del “Bande Nere” erano stati affondati dagli inglesi (il “Bartolomeo Colleoni” a Capo Spada, l’“Alberico da Barbiano” e l’“Alberto da Giussano” distrutti assieme il 12 dicembre 1941 sempre sulla direttrice Palermo-Tripoli, mentre il “Giovanni dalle Bande Nere” si salva invertendo la rotta). Il 21 marzo 1942 la nave esce in formazione per affrontare un convoglio britannico nella Seconda Battaglia della Sirte, c’è il contatto con il nemico ma il mare grosso impedisce il protrarsi dello scontro e proprio le onde altissime spezzano in due il “Lanciere”, uno dei cacciatorpedinieri di scorta su cui era imbarcato un astigiano: Leandro Barbieri, el fiò del pustin ad Tani. Sarà Gotta a dover descrivere le ultime ore del “Lanciere” al padre postino che lo va a cercare quando ritorna a casa.

Mercoledì 1° aprile 1942, caricata nafta e acqua dolce, il “Bande Nere” esce dal porto di Messina diretto a La Spezia, Giovanni Gotta è nella stiva come fuochista, Giovanni Viarengo è invece in plancia: poche ore di navigazione e due siluri lanciati da un sommergibile inglese spezzano in due l’incrociatore che rapidamente si inabissa. I ruolini della Regia Marina attribuiscono al “Bande Nere” 507 uomini di equipaggio, tra cui 19 ufficiali e 381 dispersi nel naufragio: tra questi c’è purtroppo Giovanni Viarengo, mentre il protagonista della nostra storia nuotando a dorso riesce ad allontanarsi dal risucchio e poi, aggrappato a un remo, («sembrava una nuda strega africana», pare di leggere una strofa di Paolo Conte…) viene tratto in salvo dalla torpediniera “Libra”. Su quella nave si continua a parlare anche astigiano grazie al sotto-capo fuochista Mario Morra da Asti e al marinaio Enrico Rabbione da Vaglierano Stazione e al rientro in porto a Messina c’è un altro astigiano che, sulla torre girevole dei cannoni di prua dell’incrociatore “Trento”, aspetta notizie…Walter Fontana, anche lui meccanico alle Officine Maina, è legatissimo a Giovanni Viarengo e, come racconta Gotta, «il suo compito sul “Trento” era quello imparato in fabbrica: riparare e ricostruire piccole parti di organi meccanici; la sua brandina, il suo tornio, la fresa, la mola a smeriglio e altre piccole attrezzature formavano un tutt’uno tenuto assieme da Walter con ordine e buon gusto». Uno sguardo al “Libra”, un gesto della mano di Gotta e Fontana capisce di avere un grande amico in meno; meno di tre mesi dopo il “Trento” sarà affondato nello Jonio dal sottomarino “Umbra” della Royal Navy. La cronaca di guerra vera e propria finisce così. Gotta racconta il rientro in città, il mesto pellegrinaggio dei parenti dei caduti, il contarsi e ritrovarsi sempre di meno, lo scrivere per ricordare e per non dimenticare. Lasciò copia del suo diario all’amico Amerio che tre anni fa, prima di lasciarci, me lo passò come un testimone di memorie che non dobbiamo lasciare svanire. 

Le Schede

 


 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Latest posts by Franco Masenga (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Gli intensi anni astigiani di “Bicio” Fabrizio De Andrè in campagna durante la guerra....

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

La pacifica rivoluzione della maestra Lina

Nel 1911 arriva a dirigere l’asilo Ferrer Lina Borgo insegnante alessandrina, vedova con sei figli   Asti, aprile 1911. Nel nuovo quartiere operaio di corso Felice...

Asti si è lasciata sfuggire un gioiello d’arte: il teatrino dei Rissone acquisito da...

Giovanni Rissone nell’Ottocento recitava l’Alfieri a memoria   Genova, per noi che stiamo in fondo alla campagna», oltre che per il sole e il mare che...

La carica dei nostri vent’anni per festeggiare il 20° numero di Astigiani

Questa volta l’album di famiglia è davvero speciale. Per festeggiare il ventesimo numero di Astigiani abbiamo chiesto ai lettori di riaprire i cassetti e di...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE