venerdì 1 Marzo, 2024
HomeLo scaffaleStoria e sorprese dei modi di dire in dialetto
Lo Scaffale

Storia e sorprese dei modi di dire in dialetto

Scrive Paolo Raviola nell’introduzione: «Questo libro non pretende di insegnare il dialetto astigiano, ma di usarlo per raccontare la storia, il lavoro, l’arguzia popolare. Tutti i dialetti hanno saputo “catturare” nei secoli, con una tempestività e un’immediatezza espressiva che le lingue nazionali non possiedono, attimi, sensazioni, palpiti, dolori e gioie di ogni comunità, con un’efficacia descrittiva straordinaria». L’autore è un astigiano doc con radici a Migliandolo, giornalista, cantautore, paliofilo, già Capitano del Palio, collaboratore di Astigiani, dove firma la rubrica “Lingua Madre”. Curiosa la storia dei passaggi e degli insediamenti di popoli e comunità che hanno contribuito, nei secoli, a “costruire” la lingua astigiana in chiave multietnica: partendo da Giulio Cesare, attraverso gli Orléans, i Savoia e svelando rapporti inspiegabili con paesi lontani come le Filippine.

È una ricostruzione straordinaria della storia di detti ed espressioni del nostro dialetto, che ancora vengono usati, ma di cui raramente si capisce da che cosa traggano origine. A cominciare dal titolo che si riferisce a quando i “fuochi di San Secondo” erano accesi da una colombella. La ricerca di Raviola è certosina, attenta, intelligente. Il volume è corredato da fotografie d’epoca della collezione di Mario Franco di Mombarone, ultimo rappresentante di una famiglia che vanta tre generazioni di fotografi, e dell’Archivio storico del Comune. Le foto sono correlate a un detto: un funerale d’altri tempi con carrozza a cavalli per spiegare andè a piansi el mort (per dire a mangiare, visto che le veglie funebri erano sempre seguite da una cena), il mercato dei bozzoli che ricorda slanguì pej d’in bigàt, “affamato come un baco da seta”.

 

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

I proverbi anticipano le previsioni del tempo

L’attesa della primavera nel folclore meteorologico monferrino¹   «Smenmi d’ Mars, smenmi d’Avrì, fin c’al fassa caod peus nen avn컲: Seminami di marzo, seminami di aprile,...

La collina di Spoon River – Giugno 2017

Vito Walter Sollazzo 22 agosto 1945-10 marzo 2017 Sindacalista e allenatore di calcio Ho sempre amato il gioco di squadra. L’ho praticato per tutta la vita, nella...

Secondo trimestre 2017

3 aprile Inaugurato a Nizza Monferrato l’hospice che accoglie i malati terminali del reparto di oncologia del Cardinal Massaia. A disposizione dei pazienti una...

La collina di Spoon River – Dicembre 2016

Angelo Franco 11 agosto 1929 - 16 settembre 2016 Autotrasportatore Ero uno dei Cugini Franco. Avevamo deciso di chiamarci così con mio cugino Giacomo quando aprimmo la...

Sul calendario

8 settembre L’ambasciata di Israele assegna il riconoscimento di Giusti fra le nazioni alla memoria di Eugenia e Pietro Gilardi. Coppia di contadini di...

Il monumento in bronzo dedicato alle 5 storiche divisioni

L’alpino di piazza Libertà, nell’aiuola di fronte la Mercato coperto, è da più di 40 anni muto testimone della vita della città. È stato...

La collina di Spoon River – Maggio 2016

Andreina Jodice Napoli, 27 dicembre 1935 - Asti, 2 gennaio 2016 Insegnante di Lettere Sono nata a Napoli, ma la mia famiglia, ed io al seguito, era...

Pino Morino, l’inventore del terzo tempo

Discobolo nazionale e “missionario” del pallone elastico

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE