sabato 26 Novembre, 2022
HomeLo scaffaleStoria e sorprese dei modi di dire in dialetto
LO SCAFFALE

Storia e sorprese dei modi di dire in dialetto

Scrive Paolo Raviola nell’introduzione: «Questo libro non pretende di insegnare il dialetto astigiano, ma di usarlo per raccontare la storia, il lavoro, l’arguzia popolare. Tutti i dialetti hanno saputo “catturare” nei secoli, con una tempestività e un’immediatezza espressiva che le lingue nazionali non possiedono, attimi, sensazioni, palpiti, dolori e gioie di ogni comunità, con un’efficacia descrittiva straordinaria». L’autore è un astigiano doc con radici a Migliandolo, giornalista, cantautore, paliofilo, già Capitano del Palio, collaboratore di Astigiani, dove firma la rubrica “Lingua Madre”. Curiosa la storia dei passaggi e degli insediamenti di popoli e comunità che hanno contribuito, nei secoli, a “costruire” la lingua astigiana in chiave multietnica: partendo da Giulio Cesare, attraverso gli Orléans, i Savoia e svelando rapporti inspiegabili con paesi lontani come le Filippine.

È una ricostruzione straordinaria della storia di detti ed espressioni del nostro dialetto, che ancora vengono usati, ma di cui raramente si capisce da che cosa traggano origine. A cominciare dal titolo che si riferisce a quando i “fuochi di San Secondo” erano accesi da una colombella. La ricerca di Raviola è certosina, attenta, intelligente. Il volume è corredato da fotografie d’epoca della collezione di Mario Franco di Mombarone, ultimo rappresentante di una famiglia che vanta tre generazioni di fotografi, e dell’Archivio storico del Comune. Le foto sono correlate a un detto: un funerale d’altri tempi con carrozza a cavalli per spiegare andè a piansi el mort (per dire a mangiare, visto che le veglie funebri erano sempre seguite da una cena), il mercato dei bozzoli che ricorda slanguì pej d’in bigàt, “affamato come un baco da seta”.

 

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE