martedì 23 Luglio, 2024
HomeTracce di...Il matrimonio astigiano di De Sica
Tracce di...

Il matrimonio astigiano di De Sica

1937: il bel Vittorio sposa nella chiesa di San Pietro l’attrice Giuditta Rissone
Tracce di… racconta il passaggio, a volte fugace, di un personaggio famoso nell’Astigiano. Storie sorprendenti inserite nella piccola o grande cronaca che mantengono comunque vivo il valore della testimonianza.

Sabato 10 aprile 1937, nella chiesa San Pietro di Asti, il parroco Emilio Cavallotti unisce in matrimonio la star del cinema Vittorio Domenico Stanislao Gaetano Sorano (dalla natale città di Sora) De Sica, 36 anni, e l’affermata attrice brillante Giuditta Rissone, che di anni ne ha 42. I due attori recitano insieme da tempo, condividendo successi e fiaschi, difficoltà economiche e improvvise fortune, in un sodalizio professionale e sentimentale che sfocerà nelle nozze astigiane, volutamente moderate e sobrie, con un corteo di cinque persone, il parroco e i testimoni e l’attore Umberto Melnati per la sposa e il commediografo Luigi Chiarelli per lo sposo, cui seguì una colazione e l’immediato ritorno a Torino dei neo coniugi, impegnati in una tournée teatrale all’Alfieri.
La notizia fu divulgata a posteriori da un giornale specializzato: “Fiori d’arancio in  Cinelandia. E così si sono sposati, e vivranno felici e contenti. La notizia, per quanto tenuta nascosta e data soltanto all’ultimo momento, è naturalmente trapelataMa gli sposi che avevano deciso davvero di fare un matrimonio il più modesto e segreto  possibile (davvero, non come le famigerate coppie americane…) sono riusciti nel loro intento”. Le foto della cerimonia sono di Lucio Ridenti, noto critico teatrale e direttore di Dramma. Giuditta possedeva spiccate doti comiche e un sorriso pieno e contagioso, e si vede.

La copertina della rivista “Il dramma” dedicata ai futuri sposi.

 

Al suo fianco il regista padre del neorealismo è un giovane alto e magro che pure, agli inizi della carriera, era specializzato in parti di vecchietto. Il gossip vuole che Giuditta, quando lo vide senza trucco di scena ne fu meravigliata, poiché lo credeva “anziano anche nella vita”.
Un anno dopo le nozze nasce Emiliana, che confiderà: “Quando mia madre incontrò Vittorio, lei non amava affatto il teatro, non aveva il sacro fuoco, per lui invece quella era la sua vita. Papà la adorava, la chiamava mia divina”. Giuditta, nata a Genova nel 1895, figlia del piemontese Vittorio Rissone e di Luigia Cavatore, sorella di Checco Rissone, esordì giovanissima in teatro con Lyda Borelli, divenne “prima attrice” nel 1927, nella compagnia di Sergio Tofano. Intensa la sua filmografia, con registi De Sica, Blasetti, Soldati e molti altri. Nel 1962 Federico Fellini la chiamò a interpretare la madre di Guido Marcello Mastroianni, in 8½.

Le schede

L’AUTRICE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA
Paolo Conte nello studio a Torino con altri musicisti astigiani durante la registrazione di Torretta Calipso nella primavera del 1980

Paolo Conte: avvocato, cantautore… enigmista

In che consiste il gioco? Chi si cimenta con questi enigmi deve trovare una frase cioè la soluzione partendo da un enunciato (esposto) che...

Patente di Astigianità

Sappiate che Da 35 a 40 risposte esatte Ottimo! Siete Astigiani doc, eccellenti conoscitori delle terra dove vivete. Meritate la patente di Astigianità. Da 24 a...

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Ottobre-novembre-dicembre 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE