sabato 26 Novembre, 2022
HomeLo scaffaleI caccia di Moncalvo Grandi della pittura
LO SCAFFALE

I caccia di Moncalvo Grandi della pittura

Una bella scoperta questo libro. Nella seconda di copertina si spiega che è il primo volume di una collana prevista in 13 quaderni, relativi al XVI secolo, epoca dei Gonzaga e della Controriforma, nel marchesato aleramico.

Una bella scoperta questo libro. Nella seconda di copertina si spiega che è il primo volume di una collana prevista in 13 quaderni, relativi al XVI secolo, epoca dei Gonzaga e della Controriforma, nel marchesato aleramico. Lo indica chiaramente anche il nome della neonata casa editrice, diretta emanazione dell’Associazione che da cinque anni opera a Moncalvo e dintorni con lo scopo, fra gli altri, di «costruire le premesse per un turismo “lento” in grado di gustare la bellezza e la bontà di questa area del Piemonte».

Un’altra scoperta, leggendo tutto il libro, è il talento dei due autori nel trattare con indiscutibile scientificità l’arte pittorica religiosa di Domenico e Orsola Caccia, inserendola in una chiara visione del contesto storico decisamente complesso dell’epoca, a partire dagli eventi politici e dalle lotte di potere fino al ruolo e all’influenza della chiesa.

Fede e cultura nel Monferrato di Guglielmo e Orsola Caccia, di Timothy Verdon e Andrea Longhi, A.L.E.R.A.M.O. onlus, Casale 2013, euro 28

È l’epoca della Controriforma, del Concilio di Trento che rinnova profondamente la religione per ostacolare le riforme luterana e calvinista. Di grandissimo interesse anche la biografia della famiglia Caccia, la morbosa religiosità del capofamiglia che ottiene dal vescovo di fare della sua casa una sorta di laboratorio-convento per le figlie, tutte monacate e dedite alla pittura: Orsola eccelle, superando in alcuni casi il padre. Non a caso le opere raffigurate sono nella maggior parte di Orsola, anche perché meno studiata del padre, ma sicuramente di lui più “moderna”, più orientata verso la misticità del barocco, superata l’aulicità rinascimentale. Ottimo l’apparato iconografico, a cura di Giampiero Marchiori, perfettamente inserito nel testo.

La prima impressione che si ha del libro è quella di un’opera finalmente non “accademica”, ma di lettura piacevole per chiunque, addirittura di stimolo per partire e andare in giro per il nord Italia a cercare le opere dei Caccia, certi di poterle correttamente leggere grazie alla lettura che ne hanno fatta per noi Verdon e Longhi. Last but not least, l’opera è in italiano e in inglese. Stupisce solo la mancanza della bibliografia.

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE